Il sondaggio ha mostrato che due terzi dei tedeschi sono insoddisfatti del cancelliere Schulz

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz partecipa all'”Open House Day” del governo a Berlino, Germania, il 21 agosto 2022. REUTERS/Michel Tantoussi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

BERLINO (Reuters) – Quasi due terzi dei tedeschi sono insoddisfatti del lavoro del cancelliere Olaf Schulz e della sua frammentata coalizione, che ha affrontato crisi dopo crisi da quando è entrato in carica a dicembre, secondo un sondaggio pubblicato domenica.

Solo il 25% dei tedeschi pensa che il socialdemocratico stia facendo bene il suo lavoro, in calo rispetto al 46% di marzo, secondo un sondaggio Insa per il settimanale Bild am Sonntag.

Al contrario, il 62% dei tedeschi pensa che Schulz – che era vicecancelliere sotto la veterana leader conservatrice Angela Merkel nell’ex coalizione di governo – stia facendo il suo lavoro male, una cifra record, rispetto al solo 39% di marzo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Da quando ha preso il potere, Schulze ha dovuto fare i conti con la guerra in Ucraina, una crisi energetica, l’aumento dell’inflazione e ora una siccità, che hanno spinto la più grande economia europea sull’orlo della recessione. I suoi critici lo hanno accusato di non mostrare una leadership sufficiente.

Un sondaggio Insa ha mostrato che il sostegno ai suoi socialdemocratici (SPD) è di appena il 19%, ben al di sotto dei conservatori dell’opposizione e dei partner della coalizione più piccoli, il Partito dei Verdi, e meno del 25,7% che i socialdemocratici hanno ricevuto nelle elezioni federali dello scorso anno.

Circa il 65% dei tedeschi è insoddisfatto del lavoro del governo di coalizione tripartito in Germania nel suo insieme, rispetto al 43% di marzo.

READ  Nessuna conferenza stampa congiunta dopo il vertice Biden-Putin: Casa Bianca | Joe Biden

Il sondaggio arriva dopo una settimana particolarmente difficile per Schultz.

In primo luogo, si è messo nei guai quando non è riuscito a opporsi immediatamente al presidente palestinese Mahmoud Abbas in una conferenza stampa congiunta a Berlino, quando ha accusato Israele di aver commesso “50 olocausti”. Leggi di più

Poi i legislatori dell’opposizione ad Amburgo lo hanno accusato venerdì di aver offuscato la verità in un’udienza su una grave frode fiscale avvenuta durante il suo mandato come sindaco della città portuale settentrionale – accuse che nega, protestando invece contro la scomparsa della memoria. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Birgit Mittolen e Sarah Marsh; Montaggio di Gareth Jones)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.