Il riavvicinamento della Turchia alla Siria lascia i timori dei profughi regionali | tacchino

SI siriani in tutta l’opposizione e nel nord curdo del paese hanno risposto con preoccupazione alle mosse turche per normalizzare le relazioni con Damasco tra le accuse secondo cui le iniziative porteranno a compromessi demografici di massa e al rimpatrio forzato di milioni di rifugiati.

presidente turco, Recep Tayyip ErdoganDurante il fine settimana, ha aggiunto la sua voce a un coro crescente di funzionari che hanno notevolmente cambiato la loro retorica sul presidente siriano Bashar al-Assad, affermando: “Non puoi interrompere il dialogo politico o la diplomazia tra i paesi”.

I suoi commenti erano ancora l’indicazione più chiara tacchino Ha intrapreso una nuova politica volta a stabilizzare Assad, dopo essere stato uno dei principali sostenitori regionali della sua cacciata per più di un decennio.

Ciò è avvenuto alla vigilia del nono anniversario della più grande atrocità della guerra, quasi 1.300 civili sono stati gasati in un’area di opposizione nella periferia di Damasco con proiettili di sarin il 21 agosto 2013.

Negli anni che seguirono, Russia E l’Iran ha spinto Assad a una costosa vittoria sui campi di battaglia del Paese.

I due paesi e la Turchia ora hanno una partecipazione di primo piano in un paese fratturato descritto come la Siria del dopoguerra, dove gran parte della popolazione rimane fuori dal controllo del governo centrale.

Ma nel nord-ovest, lunedì i cannoni della guerra hanno continuato a bruciare, poiché gli attacchi aerei russi hanno preso di mira 13 diverse località nella provincia di Idlib, dove la maggior parte dell’opposizione anti-Assad del paese, o coloro che sono stati costretti a lasciare le loro case come parte del cosiddetto accordi di riconciliazione sono stati e continua a nascondersi tra i gruppi militanti.

READ  Trump News - Ultime: Kushner afferma che Bannon "tossico" ha minacciato di spezzarlo "a metà" se lo avesse tradito

Gli attacchi aerei sono stati tra i più intensi dall’invasione russa dell’Ucraina, trasformando i jet usati per bombardare la Siria in un nuovo conflitto. Il numero delle vittime è sconosciuto.

Erdogan si è fortemente opposto negli ultimi anni al bombardamento russo di Idlib, dove la Turchia ha avuto un’influenza significativa negli ultimi due anni. Ma i nuovi attacchi non hanno suscitato reazioni da parte di Ankara. Il che si avvicinava alla visione di una soluzione di Vladimir Putin Siria negli ultimi mesi.

Si credeva che il leader turco fosse stato dissuaso dal lanciare una nuova incursione nella Siria nord-orientale curda il mese scorso dopo aver parlato con Putin durante un periodo di vertice a Soči. Dopo non essere riuscito a ottenere la benedizione di Putin, Erdogan sembrava ricorrere alla diplomazia, mentre lanciava attacchi di droni contro quelli che i suoi funzionari dell’intelligence dicevano fossero ribelli curdi.

Uno di questi scioperi ha colpito una partita di pallavolo vicino alla città di Hasaka la scorsa settimana, uccidendo quattro ragazze e ferendone altre sette.

I gruppi curdi del nord-est, sostenuti dal Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), si preparano a una nuova incursione turca, che temono sia finalizzata a creare una nuova sfera di influenza lungo il confine con la Turchia, in cui entrerà Ankara. Trasferimento di rifugiati arabi che sono stati ospitati in Turchia negli ultimi dieci anni.

Erdogan dovrà affrontare le elezioni del prossimo anno mentre il sentimento anti-rifugiato aumenta mentre lotta per affrontare un’economia stabile e una violenta agitazione sociale. La Turchia ha già annunciato l’intenzione di riportare in Siria fino a un milione di rifugiati e ha finanziato la costruzione di case nelle aree tra i curdi a nord-ovest e nord-est, creando di fatto un abisso tra di loro.

È improbabile che il contatto diretto con Assad avvenga presto, ma i funzionari, comprese le figure dell’intelligence, dovrebbero riprendere la cooperazione. “Questo sarà implementato in fasi”, ha detto un alto funzionario con sede a Beirut. “I messaggi dei turchi sono molto chiari. Vogliono avere a che fare con il PKK e Assad ora ha una leva con loro per la prima volta. Ma è stato tutto mediato tramite Putin, quindi non dovrebbe esagerare”.

Più della metà della popolazione siriana prebellica rimane sfollata internamente, o fuori dai confini siriani, e la maggior parte non è ancora disposta a tornare, adducendo i rischi posti in patria dai funzionari del regime che credono che li scuoteranno finanziariamente e li tratterranno arbitrariamente.

Un alto funzionario curdo nel nord-est della Siria lunedì ha descritto il riavvicinamento della Turchia con Assad come una “bufala”.

“La Turchia non ha mai sostenuto la rivoluzione siriana”, ha affermato Ilham Ahmed, membro del consiglio esecutivo del distretto. Lo ha utilizzato per servire i suoi programmi espansionistici basati sulla colonizzazione e sui cambiamenti demografici. La Turchia ha utilizzato i rifugiati siriani”.

Le Nazioni Unite e le ONG hanno insistito sul fatto che la Siria non era ancora sicura in cui tornare per molti che erano fuggiti dalle persecuzioni durante la guerra. Il Libano ha anche cambiato tono nei confronti dei rifugiati siriani del paese, con atteggiamenti della società che diventano ostili in alcune aree e rifugiati che devono nascondersi per evitare l’arresto.

“Preferirei tentare le mie possibilità in questo luogo distrutto piuttosto che andare nelle prigioni di Bashar”, ha detto Mustafa al-Hillani, un siriano che vive a Beirut da sei anni. “Non c’è vita lì.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.