Il giudice impedisce a Trump di rilasciare dichiarazioni conclusive nel processo per frode di New York

Il giudice che presiede il processo per frode civile di Donald Trump a New York ha revocato il permesso all'ex presidente di rilasciare le sue dichiarazioni conclusive giovedì, dopo che i suoi avvocati non sono riusciti a concordare “limiti legali e ragionevoli” alle sue osservazioni.

Secondo una serie di Scambio di e-mail Mercoledì, con il giudice Arthur Engoron e gli avvocati sul caso depositati in tribunale, il giudice ha accettato la settimana scorsa di consentire a Trump di fare osservazioni a condizione che discutesse solo “i fatti materiali rilevanti riscontrati nelle prove”.

“Non gli è permesso testimoniare.” “Non può commentare questioni non correlate”, ha scritto il giudice agli avvocati il ​​5 gennaio, secondo il documento della corte.

Il giudice Engoron ha scritto che Trump “non può fare un discorso elettorale” o sfidare il giudice, il personale del tribunale e gli avvocati.

L'avvocato Christopher Case ha risposto che “non poteva accettare” questi termini.

Il giudice gli ha detto che le condizioni erano “non negoziabili”.

Dopo la morte della suocera di Trump, Casey ha chiesto al giudice di rinviare completamente le argomentazioni conclusive fino al 29 gennaio, al più presto. Il giudice ha negato tale richiesta ma ha prorogato il termine per determinare se Trump avrebbe accettato i termini delle sue argomentazioni conclusive fino alle 11 di mercoledì. Casey ha definito le condizioni “ingiuste”.

“Non discuterò più di questa questione”, ha risposto il giudice mercoledì alle 11:54. “Prendere o lasciare. Ora o mai più. Hai tempo fino a mezzogiorno, tra sette minuti. Non concederò ulteriori proroghe.”

READ  Alluvioni in Spagna: due persone morte e tre disperse a causa delle forti piogge che hanno colpito Madrid e la Spagna centrale

Alle 12:12 il giudice Engoron ha revocato l'offerta.

“Non ho avuto vostre notizie entro la terza scadenza prorogata… presumo che il signor Trump non accetterà i ragionevoli limiti legali che ho imposto come precondizione per rilasciare una dichiarazione conclusiva oltre a quelle presentate e scritte dai suoi avvocati, quindi lo farà non parlare in tribunale.

Una causa intentata dal procuratore generale di New York Letitia James accusa Trump, i suoi due figli adulti e i principali aiutanti della Trump Organization di aver frodato istituti finanziari con stime estremamente gonfiate del suo patrimonio netto e dei suoi beni nel corso di un decennio.

Il giudice Engoron Sentenza cautelare Ha ritenuto gli imputati responsabili della frode descritta nella causa di successo, lasciando un processo al banco per determinare quanto Trump e i suoi associati dovrebbero dovere e se il pubblico ministero ha avuto successo su altre accuse nella sua denuncia, tra cui frode assicurativa e cospirazione.

La testimonianza dei testimoni si è conclusa in un'aula di tribunale di Lower Manhattan il mese scorso, dopo circa 11 settimane.

Un paio di ordini di silenzio emessi dal giudice durante il processo impediscono alle parti e agli avvocati di denigrare il personale del giudice. La Corte d'Appello statale ha confermato tali condizioni, seguendo i funzionari del tribunale Ha rivelato un’ondata di minacce di morte e messaggi violenti Ciò è seguito ai capricci di Trump.

SU Il secondo giorno del processol'ex presidente ha pubblicato false affermazioni sul principale scrittore di legge del giudice Engoron sul sito web Truth Social, spingendo il giudice a ordinare a Trump di cancellare le dichiarazioni “false” e “offensive” prima di emettere il primo ordine di silenzio che esclude Trump e tutte le parti coinvolte nel caso dall'aggressione al personale del tribunale.

READ  L'"escalation delle tensioni" potrebbe portare alla sospensione da parte dell'UE dell'embargo petrolifero russo

Il giudice ha successivamente ritenuto che Trump avesse violato l’ordine due volte, provocando danni $ 15.000 di multa. Anche lui ha emesso un'ordinanza in tal senso Compresi gli avvocati di Trumpche è stato poi ripreso.

Nelle e-mail agli avvocati, il giudice ha avvertito che Trump potrebbe essere “impedito” di parlare, allontanato dall’aula e multato di 50.000 dollari se avesse violato un ordine di silenzio durante le discussioni conclusive.

La settimana scorsa, nelle memorie finali della corte prima della chiusura delle argomentazioni, gli avvocati della signora James hanno sostenuto che le prove raccolte dal suo ufficio, comprese le testimonianze di esperti e le testimonianze in aula dello stesso signor Trump, sono “conclusive” e dimostrano “numerose” azioni a cui alludeva la causa. Rivendicazioni centrali.

Il pubblico ministero afferma che Trump e gli altri imputati dovrebbero essere costretti a pagare più di 370 milioni di dollari e di fatto vietati di fare affari nello stato.

Gli avvocati di entrambe le parti avranno 2 ore e 15 minuti per rendere le loro dichiarazioni conclusive.

Il giudice Engoron ha indicato che emetterà una sentenza definitiva entro la fine del mese. Gli avvocati di Trump hanno già presentato ricorso contro la sentenza preliminare e dovrebbero ricorrere in appello contro eventuali sanzioni aggiuntive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *