I leader ebrei italiani hanno condannato il presidente del parlamento per aver onorato un partito neofascista

(JTA) – I leader ebrei in Italia hanno avuto parole forti per il presidente del parlamento del paese Ha pubblicato un post su Instagram Storia del Movimento Sociale Italiano, o MSI, partito neofascista fondato all’indomani della seconda guerra mondiale.

Ignazio la Russa, senatore di Cologno Monzese, comune di Milano, ha scritto accanto all’immagine di un manifesto elettorale missino: “In memoria di mio padre, uno dei fondatori del movimento sociale italiano in Sicilia e che ha scelto la strada. Libero e la partecipazione democratica con il MSI per tutta la vita, difendendo le sue opinioni nel rispetto della costituzione italiana”.

I leader della comunità ebraica italiana furono sgomenti per la sua decisione di incorporare il MSI nella costituzione italiana del secondo dopoguerra. L’ascesa dei leader di estrema destra in Italia che hanno espresso nostalgia per l’era fascista – che ha quasi segnato il destino degli ebrei italiani – La comunità ebraica di oggi in Italia è preoccupata.

“Celebriamo il 75° anniversario della promulgazione della Costituzione della Repubblica, che afferma la nostra democrazia antifascista”, ha detto martedì Nomi De Cegni, capo dell’Unione delle comunità ebraiche italiane. Repubblica di La. C’è chi ritiene che si stia celebrando un altro anniversario della fondazione del Msi, che si è affermato in continuità ideologica e politica con la Rsi, il governo dei fascisti radicali, dopo la caduta del regime fascista. Collaborò attivamente alla deportazione degli ebrei italiani.

Lo scrive Ruth Turegello, responsabile della comunità ebraica di Roma Una dichiarazione importante Suo.

“La Repubblica italiana è antifascista, e quando si giura sulla Costituzione, bisogna sapere che non ci possono essere ambiguità o contraddizioni in questa materia”, ha scritto. “Il movimento sociale ha raccontato l’esperienza della RSI [Fascist Italy under Mussolini]L’unico modello amato dagli italiani sono i movimenti antifascisti, il cui sacrificio ha liberato l’Italia dal giogo nazifascista.

READ  Goditi il ​​gusto dell'Italia nella Hunter Valley

La Russa è diventato presidente del Senato a ottobre dopo che una vittoria della coalizione di destra ha dato al suo partito Fratelli d’Italia (FDI) la maggioranza al Senato e ha nominato Giorgia Meloni primo ministro.

Sebbene La Russa abbia co-fondato FDI con Meloni nel 2012, ha trascorso gran parte della sua carriera in politica come parte di MSI – che è stato co-fondato da suo padre nel 1946 – fino al suo scioglimento nel 1995. Anche dopo la morte del dittatore Benito Mussolini, è rimasto il custode della storia fascista italiana.

L’IDE è visto da molti come il successore del MSI in Italia, incorporando la fiamma tricolore del defunto partito nel proprio logo.

«Con buona pace degli affetti familiari, l’onorevole La Russa continua a non capire di essere il Presidente del Senato della Repubblica Antifascista e non il Presidente dell’Organizzazione Giovanile del Msi. La sua posizione è una vergogna per le istituzioni democratiche”, ha affermato Gianfranco Pagliarulo, presidente nazionale dell’ANPI, un’organizzazione dedicata ai veterani della resistenza antifascista italiana. Secondo La Pressa.

Meloni è stato associato al MSI durante i suoi primi anni in politica. I critici dicono di sì I sostenitori fascisti furono incoraggiatiE le foto di un ministro che ha nominato il mese scorso Indossare armature naziste Ha suscitato polemiche dieci anni fa.

David Fiorentini, presidente del Gruppo giovanile ebraico italiano, ha affermato che “gran parte degli ebrei italiani è preoccupata che l’erede del movimento sociale italiano si trovi di fronte alla prospettiva di un presidente del Consiglio ideologicamente allineato con un partito”. L’agenzia telegrafica ebraica a settembre.

READ  L'Italia spenderà miliardi in autostrade dopo il disastro di Genova

Tuttavia, Meloni ha cercato di esprimere la comunità ebraica. Novembre, Ha incontrato il World Jewish Congress e i leader ebrei italianiLì ha discusso di antisemitismo e ha consegnato un rapporto “sottolineando l’importanza delle comunità ebraiche per l’identità nazionale italiana ed europea”, secondo il suo ufficio.

Come altri leader di estrema destra in Europa, lo ha fatto Ha spesso indicato il sostegno dello stato di Israele Ha paragonato se stesso e FDI al partito Likud di Benjamin Netanyahu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.