Novak Djokovic chiede un recupero in ritardo in vista dell’Australian Open | tennis | gli sport

I cambiamenti nello staff tecnico alla vigilia di un torneo importante non sono del tipo spesso associato al successo tra l’élite del tennis. Ma questi sono i rischi che Novak Djokovic ha corso poco prima del suo attesissimo ritorno agli Australian Open di gennaio.

Il serbo si è separato dal fisioterapista Ulises Badiou dopo cinque anni e mezzo di proficuo lavoro fianco a fianco. E il sostituto di Badiou sembra essere già stato acquistato dopo che Djokovic è stato visto lavorare con l’italiano Claudio Zimaglia in vista dell’Adelaide International 1 del 2023.

La partenza di Badiou sarà una sorpresa per i fan data la formazione che lui e Djokovic hanno, come descritto dal medico all’inizio del 2022, un “legame importante” da quando si è unito alla squadra nel maggio 2017. La decisione è stata presa anche poco più di due settimane dopo il ritorno di Djokovic. a Melbourne, con le aspettative che stanno crescendo in vista della sua candidatura per vincere il suo decimo titolo agli Australian Open.

Nonostante abbia perso gli Australian Open e gli US Open nel 2022, Noll ha aggiunto alla sua collezione del Grande Slam sconfiggendo Nick Kyrgios per mantenere il suo titolo di Wimbledon. Il nuovo fisico Zimaglia – che è elencato come “Insegnante all’Accademia di ortopedia di Torino” – spera di fare la sua parte per aggiungere alle 21 medaglie importanti del 35enne (una in meno del detentore del record Rafael Nadal).

Leggi di più

Rafael Nadal dà uno sguardo raro alle speranze di gara GOAT di Novak Djokovic e Roger Federer

A luglio, poco dopo la settima vittoria di Djokovic a Wimbledon, Badiou ha parlato della natura 24 ore su 24 della loro relazione. L’argentino ha descritto la maggiore responsabilità quando si lavora con qualcuno come Djokovic, che ha la reputazione di essere uno dei, se non il miglior giocatore dell’ATP Tour.

READ  Trasmissione di voci Peterborough United: l'ex aiutante di Bush rifiuta la gestione delle opportunità della squadra della Premier League, ha rivelato la ricompensa per l'attaccante del Liverpool ed ex Newcastle

“Lavoriamo con lui 24 ore al giorno”, ha detto al quotidiano spagnolo Diario Sur. “Non basta stare quattro ore con lui, mentre si allena, e vederlo prima della partita. Lo seguo sempre, anche quando è seduto per vedere come sta o quanta acqua ha ha bevuto, o se qualcuno è stato a lungo al telefono con lui: tutti i piccoli dettagli possono influenzarlo durante la partita.

“Quando sono entrato nel team, sapevo come lavorare e qual era il mio lavoro professionale, ma non il mio ruolo all’interno del team. Tuttavia, Novak e io abbiamo creato un legame stretto e abbiamo iniziato a conoscerci, creando quel legame importante. “

non perdere

Emma Radukano divide le opinioni mentre Djokovic torna al top – Tennis Predictions 2023

Iga Swiatek batte Max Verstappen in un importante premio sportivo come Federer, Nadal e Djokovic.

Nadal condivide il suo desiderio di ritirarsi e ammette che Roger Federer lasciare il tennis è stato “difficile”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.