Gli spettatori della Ferrari sono inorriditi dall'accento italiano “assolutamente terribile” di Adam Driver

Lo “scandaloso” accento italiano di Adam Driver nel nuovo film Ferrari Il pubblico è stato diviso dopo che il film è uscito nelle sale di tutto il mondo il giorno di Natale.

Il quarantenne interpreta il ruolo principale del fondatore della Ferrari, pilota automobilistico italiano e uomo d'affari Enzo Ferrari nel nuovo film biografico di Calore Direttore Michael Mann.

Nel film figurano anche Penélope Cruz nel ruolo della moglie di Enzo Laura Ferrari, Shailene Woodley nel ruolo della sua amante Lina Lardi e Patrick Dempsey nel ruolo del pilota italiano di Formula 1 Piero Taruffi.

Fin dalla sua uscita, il film e l'accento italiano del pilota hanno suscitato reazioni contrastanti da parte dei fan su X, la piattaforma di social media precedentemente nota come Twitter.

“Voglio che tutti coloro che hanno approvato gli accenti italiani di Adam Driver e Shailene Woodley vengano licenziati sommariamente”, si legge in un commento.

Qualcun altro ha scritto: “Ferrari È deludente. Non avevo aspettative su questo film, ma alla fine sono rimasto deluso. Il film segue la vita di Enzo Ferrari, interpretato da Adam Driver, che parla con un pessimo accento italiano. L'unica cosa che redime di questo film è la guida.

Molte persone hanno fatto paragoni con le prestazioni del conducente Casa Guccisottolineando che il suo accento italiano è rimasto “discutibile” nel film biografico sulla Ferrari come lo era nel film di Ridley Scott del 2021 sull'assassinio del rampollo di Gucci, Maurizio Gucci.

READ  Il bulgaro Georgi Gospodinov vince il premio Shelter of Time

“Penso che siamo tutti d'accordo sul fatto che Michael Mann ritorni a dirigere lungometraggi sia grandioso, ma essere costretto a guardare Adam Driver lottare con un accento italiano in un film biografico per la seconda volta in tanti anni e dire 'Allora lo farò' sì. .. Calore 2“È brutale”, ha scritto una persona.

Un altro commento diceva: “È così divertente che alcuni dei più grandi registi viventi guardino Adam Driver e dicano: 'Ti sceglierò per il ruolo di un ragazzo con un accento italiano da cartone animato.'” “Penso che sia come l'Al Pacino di questa generazione.” , che continuava ad apparire come un ragazzo cubano negli anni '80.”

Il logo di Amazon Prime

Puoi accedere allo streaming illimitato di film e programmi TV con Amazon Prime Video

Iscriviti ora per una prova gratuita di 30 giorni

sottoscrizione

Il logo di Amazon Prime

Puoi accedere allo streaming illimitato di film e programmi TV con Amazon Prime Video

Iscriviti ora per una prova gratuita di 30 giorni

sottoscrizione

Un terzo utente ha commentato: “Se ricevo un centesimo per ogni volta che Adam deve fare un accento italiano in un film, l'ID del film ha due centesimi, il che non è molto ma è strano che ciò accada due volte.” [sic]”.

Driver interpreta il pilota automobilistico italiano Enzo Ferrari nel nuovo film biografico di Michael Mann

(neon)

Altri hanno elogiato l'ultimo film di Mann così come il “semplice” accento italiano di Driver, con una persona che ha scritto: “Ho appena guardato Ferrari E l'ho adorato. Non sembrava il genere di cose che Michael Mann fa di solito, ma era ben girato e non melodrammatico. Adam Driver è bravissimo in questo ruolo, con un leggero accento italiano. Penelope Cruz è fantastica come sempre”.

READ  In Equalizer 3, l'assassino di Denzel Washington va in Italia intrattenimento nazionale

Il mese scorso, Driver, uno dei produttori esecutivi del film, ha sbalordito il pubblico durante una proiezione del film in Polonia rispondendo a una domanda “scortese” sulle scene dell'incidente del film.

Durante una sessione di domande e risposte al Camerimage Film Festival il 12 novembre, un membro del pubblico ha chiesto all'attore: “Cosa pensi di me? [the] Scene dell'incidente? Mi sembravano troppo duri, radicali e, devo dire, scadenti. cosa ne pensi?”

L'autista rispose: “Vaffanculo? Non lo so. Prossima domanda.”

Il film ha ricevuto una standing ovation di sei minuti quando è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia a settembre, lasciando Driver a “ricacciare indietro le lacrime”.

Puoi leggere L'indipendenteLa recensione a tre stelle della nostra critica Clarice Loughrey è qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *