Gli scienziati progettano di intercettare un oggetto interstellare: ScienceAlert

Finalmente abbiamo la tecnologia per rilevare gli oggetti interstellari. Ne abbiamo scoperti due negli ultimi anni”,Oumuamua E il 2 I / BorisovIndubbiamente c’è di più.

In quanto tale, c’era molto interesse nello sviluppare una missione che potesse visitarne una una volta scoperta. Ma come sarebbe un compito del genere?

Adesso, bozza di carta Da un team di scienziati principalmente americani, hanno cercato di rispondere a questa domanda e ci hanno spinto un passo avanti per lanciare una missione del genere.

Parte di ciò che rende la missione Interstellar Visitor così interessante è che i Visitatori Interstellari sono così strani. Borisov si comportava come una tipica cometa una volta entrata nel sistema solare, ma Oumuamua era una bestia completamente diversa.

Non ha mai sviluppato la coda di una cometa, come previsto da molti scienziati. Ha anche mostrato un’accelerazione che non sembrava essere stata spiegata da mezzi radioattivi o altri, portando alcuni eminenti scienziati ad affermare che potrebbe essere stata una sonda spaziale.

Il modo migliore per combattere tali affermazioni fantasiose è esaminarle da vicino. E per farlo, dobbiamo avere una missione che possa recuperare il ritardo. Ma prima dobbiamo vederlo e gli astronomi ci stanno già lavorando.

Indagine sull’eredità del Vera Sea Robin Observatory of Space and Time (LSST) sarà in grado di rilevare da 1 a 10 oggetti interstellari all’incirca delle stesse dimensioni di “Oumuamua” ogni anno, secondo i calcoli degli autori.

Ci sono molte opportunità per trovare il candidato giusto. Ma quali criteri deve soddisfare questo candidato?

La cosa più importante sarebbe: “Da dove viene?” Sebbene non esista un angolo “migliore” per avvicinarsi a un oggetto interstellare (ISO), fa la differenza in base a dove memorizziamo l'”intercettazione interstellare” (ISI).

READ  Precauzioni consigliate contro il vaiolo delle scimmie durante i raduni estivi mentre Chicago segnala 5 nuovi casi - NBC Chicago

Secondo il documento, il posto migliore per questo è probabilmente il punto Lagrange Terra-Sole L2. Ha più di un vantaggio: in primo luogo, c’è molto poco carburante necessario per rimanere nella stazione e qualsiasi ISI potrebbe dover aspettare in posizione stivata per anni.

Una volta chiamato al lavoro, deve reagire rapidamente e un altro residente di L2 può aiutarlo a farlo.

Il Time Domain Spectral Observatory (TSO) della NASA è un telescopio di 1,5 metri progettato per essere localizzato nel punto L2 di Lagrange, insieme ai telescopi più famosi come il JWST.

Nonostante tutta la sua straordinaria capacità di scattare foto straordinarie, JWST ha un grande punto debole: è lento. Concentrarsi su un oggetto specifico può richiedere 2-5 giorni, il che lo rende inutile quando si tracciano file ISO. D’altra parte, TSO richiede solo pochi minuti.

Può essere integrato con un altro telescopio, il pianificato NEO, che dovrebbe risiedere nel punto L1 di Lagrange del sistema Terra-Luna.

Se combinati con il TSO, questi due telescopi altamente reattivi dovrebbero essere in grado di acquisire immagini di qualsiasi ISO che entra nel Sistema Solare interno che non si trova direttamente su un percorso lungo la linea di base L1-L2.

Una volta rilevato, l’accesso all’ISO è il compito successivo. Alcuni, sfortunatamente, saranno elusivi dal punto di vista della meccanica orbitale.

Ma gli autori calcolano che esiste una probabilità dell’85% che l’ISI memorizzato in L2 sia in grado di trovare un oggetto di interesse adatto delle dimensioni di “Oumuamua” entro 10 anni.

Quindi, fondamentalmente, una volta che siamo in grado di rilevare gli ISO, è solo questione di aspettare pazientemente l’occasione giusta.

READ  La Via Lattea si è rotta un braccio

Una volta che l’ISI ha raggiunto l’ISO, può quindi iniziare a osservare da vicino, inclusa una mappa spettrale completa di materiali sia naturali che sintetici, che può aiutare a risolvere il dibattito sul fatto che questi oggetti siano sensori di fabbricazione aliena.

Potrebbe anche monitorare qualsiasi rilascio di gas che possa spiegare le forze misteriose che agiscono su ‘Oumuamua.

Ci sono senza dubbio molte cose interessanti che gli scienziati vogliono capire sul primo oggetto interstellare che visitiamo.

Ma dai calcoli di questo documento, ci saranno molte opportunità per farlo e molti dati da raccogliere quando lo faremo. È ora di passare alle fasi di progettazione, quindi!

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da l’universo di oggi. Leggi il articolo originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.