Funzionari dell’Arizona hanno confermato casi di influenza aviaria nel sud-ovest

I funzionari dell’Arizona hanno confermato i primi casi di influenza aviaria nel sud-ovest che hanno ucciso 37 milioni di uccelli provenienti da allevamenti commerciali negli Stati Uniti centrali e orientali.

La malattia è stata individuata a seguito di test condotti da funzionari federali della fauna selvatica in tre cormorani selvatici trovati morti in un parco nel sobborgo Phoenix di Scottsdale, in Arizona, ufficiali di Game & Fish annunciati questa settimana.

L’agenzia ha affermato che la malattia non è stata ancora trovata in nessun uccello domestico o in operazioni commerciali.

Ma è una preoccupazione, secondo Glenn Hickman, presidente e CEO di Hickman Family Farms, uno dei maggiori produttori di uova del sud-ovest. Hickman gestisce quattro allevamenti di polli in Arizona, uno in California e due in Colorado.

L’azienda ha interrotto qualsiasi visita ai suoi allevamenti e ricontrollato un programma di biosicurezza, progettato per prevenire l’infezione di quasi due milioni di polli. I suoi polli sono tenuti in pollai sicuri in modo che gli uccelli selvatici non entrino e tutte le persone o gli strumenti invadenti vengono disinfettati.

I funzionari della cacciagione e del pesce dell’Arizona hanno tenuto d’occhio la malattia rispondendo a tutti i richiami di uccelli morti.
dpa/Image Alliance tramite Getty I

Hickman ha detto giovedì che la società ha schivato il panico di recente quando l’influenza aviaria è stata trovata in uno stormo a 3 miglia da una delle sue fattorie in Colorado. E mentre è preoccupato per la scoperta di Scottsdale, non è nemmeno lontanamente preoccupato come se un’operazione commerciale nelle vicinanze fosse fallita.

“Questo è molto spaventoso perché l’enorme quantità di virus che potrebbe essere prodotta quando si ha una grande popolazione è molto maggiore della quantità relativamente piccola di virus per uccello negli uccelli selvatici”, ha detto. Nessuna delle sue fattorie è stata colpita.

READ  La NASA lotta per riparare il guasto del computer del telescopio spaziale Hubble negli anni '80

I funzionari dell’Arizona Game & Fish stavano monitorando da vicino la malattia, che non era più vicina del Colorado prima dell’annuncio di questa settimana, rispondendo a tutti i richiami di uccelli morti.

Ann Justice Allen, il medico veterinario della fauna selvatica del dipartimento, ha detto che le chiamate del pubblico hanno allertato la sua agenzia di cormorani morti, uccelli amanti dell’acqua che spesso nidificano in gruppi. I tre giovani erano caduti dai loro nidi e sono stati visti morti dagli escursionisti mattutini del parco, che hanno contattato i funzionari della fauna selvatica.

Glenn Hickman, CEO di Hickman Family Farms, ha sospeso la sua azienda dalle visite alle sue fattorie e ha verificato il suo programma di biosicurezza.
Glenn Hickman, CEO di Hickman Family Farms, ha sospeso la sua azienda dalle visite alle sue fattorie e ha verificato il suo programma di biosicurezza.
Fattorie della famiglia Hickman

“Hanno fatto una buona cosa”, ha detto il giudice Allen, perché sono stati in grado di raccogliere gli uccelli e testarli prima che gli operatori dello zoo li rimuovessero.

“Avevamo un grande sospetto che fosse qualcosa che normalmente non vediamo”, ha detto il giudice Allen. “Abbiamo cormorani che risiedono nella zona e di solito non vediamo morti in loro”.

Il giudice Allen ha affermato che la preoccupazione principale sono gli stormi di polli nel cortile, che sono ammessi in alcune parti della metropolitana di Phoenix. La malattia si trova in molte mandrie di proprietari di case in tutto il paese.

Ha detto che i proprietari di uccelli dovrebbero prestare attenzione a sintomi come non mangiare gli uccelli, letargia, naso che cola, convulsioni o diarrea. Chiunque veda questi sintomi dovrebbe contattare il Dipartimento statale dell’agricoltura.

La prima scoperta americana di un nuovo ceppo di L’influenza aviaria è stata altamente contagiosa nel pollame domestico a febbraio in Indiana. Da allora sono stati uccisi più di 37 milioni di uccelli per prevenire la diffusione dell’infezione.

Al 3 giugno è stato rilevato negli uccelli selvatici in 40 stati, ma non in California, Arizona, Nevada o New Mexico. Le mandrie commerciali sono state infettate in 19 stati.

Una volta rilevata l’infezione, gli uccelli non si riprenderanno e vengono uccisi per prevenire la diffusione della malattia, ha affermato il giudice Allen.

L’epidemia non ha solo ucciso uccelli autoctoni. Ha avuto anche pesanti perdite Aquile calve e altre specie di uccelli selvaticimolto più dell’ultimo focolaio di influenza aviaria rilevato nel paese nel 2014. Questo focolaio è costato più di 50 milioni di pollame domestico.

Finora, ha detto Hickman, i produttori di uova stanno compensando la produzione persa a causa delle epidemie che hanno colpito le mandrie quest’anno.

“Penso di poter affermare con fermezza che, indipendentemente dal numero di uccelli colpiti e che escono dalla popolazione, ci sono ancora uova su ogni scaffale in ogni negozio di alimentari in America”, ha detto Heckman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.