Bhavani Devi per testare le abilità nei giochi nazionali per prepararsi ai grandi eventi

Prima schermitrice indiana a qualificarsi per le Olimpiadi, Bhavani Devi non vede l’ora di testare le sue nuove tecniche e strategie durante i Giochi Nazionali e di usarle nei prossimi grandi eventi.

Il 29enne, che ha vinto l’oro ai Campionati di Scherma del Commonwealth il mese scorso, sarà una delle attrazioni dell’evento multi-sportivo in Gujarat. “Ho cambiato il mio allenatore, la mia tecnica, le mie strategie, ora è cambiato tutto. Abbiamo eventi più importanti, come le qualificazioni olimpiche di aprile. Quindi devo lavorare sulle mie strategie”, ha detto durante un’interazione virtuale condotta da SAI.

Il Sabre è uno sport molto veloce, non puoi prenderti tempo tra un tocco e l’altro, non puoi pensare e decidere cosa vuoi fare in quei millisecondi.

“Quindi è ancora rischioso provare nuove tecnologie ai Giochi Nazionali perché è come uno spettacolo e lo vedranno tutti. Quindi devo esibirmi bene ma allo stesso tempo devo fare il mio lavoro (le nuove tecnologie) che può aiutarmi nei tornei più grandi”. Bhavani, nato a Chennai, si è separato dall’allenatore italiano Nicola Zanotti ed è attualmente allenato dal leggendario schermidore francese Christian Power.

Bhavani ha detto che gli schermitori indiani avrebbero bisogno di una maggiore visibilità internazionale per competere con i migliori del settore. “In questo momento, l’arte della spada è in fase di sviluppo, abbiamo sicuramente molta strada da fare per arrivare a una fase in cui possiamo combattere una dura battaglia per i migliori spadaccini del mondo”, ha detto.

“Abbiamo avviato più competizioni locali in modo che i giocatori possano competere con gli schermitori che hanno partecipato ad alcune competizioni internazionali. In modo che possano capire il loro livello e i giocatori che hanno partecipato alla competizione internazionale possano capire e migliorare meglio”. stiamo procedendo bene. Abbiamo solo bisogno di più tempo. Otteniamo medaglie in alcune competizioni, ma per salire sul podio nelle competizioni principali abbiamo bisogno di maggiore visibilità”. Bhavani ha detto che anche gli allenatori hanno bisogno di maggiore visibilità per migliorare i loro aspetti tecnici.

READ  Oxford: Mitre Pub riapre come ristorante italiano

“Gli allenatori devono anche andare a più competizioni internazionali, per capire a che livello stanno giocando gli altri atleti, a che livello ci troviamo. Su che tipo di aspetti tecnici dobbiamo lavorare. “Dobbiamo capire le strategie che funzionano con Indian atleti. Quindi dobbiamo capire che abbiamo bisogno di più concorrenza e abbiamo bisogno di più presenza internazionale.

“In Francia, hanno centinaia di vincitori di medaglie alle Olimpiadi e ai campionati del mondo. Quindi per raggiungere questo tipo di livello, abbiamo bisogno di più competizioni”. Il 42esimo schermidore indiano classificato era arrivato 23esimo ai Mondiali di Istanbul. Ha raggiunto il secondo round ai Campionati del Mondo a luglio prima di mantenere il suo titolo di Campionato del Commonwealth ad agosto.

Bhavani ha detto che non c’era molto supporto durante la sua giovinezza, quindi si sta allenando più tempo all’estero per rimediare. “Prima non avevamo abbastanza supporto. Non facevamo molte competizioni, forse una o due all’anno. Quindi prima, ad esempio, mi mancava quell’esperienza al mio livello”, ha detto Bhavani, che si stava allenando in Europa. Giovane, non ho mai partecipato a nessuna competizione mondiale per ragazzi. Quando ero un principiante come under 17 ho avuto l’opportunità di competere a livello principiante ma a parte questo, non avevo mai partecipato a nessuna competizione di livello principiante.

“Quindi quell’esperienza che a volte mi manca ha influenzato anche me al primo livello. Quindi, per recuperare quell’esperienza, devo allenarmi regolarmente all’estero con altri giocatori internazionali, quindi a lungo termine posso migliorare me stesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.