La tua adolescenza è stata stressante? Gli orari scolastici possono essere la ragione

Se vai al liceo negli Stati Uniti, potresti ricordare le lezioni extracurriculari mattutine, i pigiama party durante il primo periodo di algebra o le sessioni di studio a tarda notte (a differenza di altre “sessioni di studio” da svegli che i nostri genitori ci hanno detto che stavamo facendo). Da adulto, potresti chiederti se c’è un momento migliore per esplorare Shakespeare che alle 8 del mattino, o prolungare la serie di Taylor subito dopo che sei crollato sul sedile, mezzo addormentato rispetto a un viaggio in autobus all’alba.

A quanto pare, gli orari di inizio delle prime scuole superiori americane sono costruiti su basi scientifiche instabili, come spiega la giornalista e madre Lisa Lewis nel suo nuovo libro, adolescente privato del sonno. Descrive in dettaglio perché le scuole superiori statunitensi tendono ad iniziare presto, la scienza dietro perché è dannoso per i bambini e come l’orario di inizio della scuola più tardi può avvantaggiare non solo gli adolescenti, ma, beh… tutti. Forse la cosa più importante, fornisce un primer su come sostenere il cambiamento nella tua comunità.

Le ruote dell’autobus girano e girano

I nostri primi inizi sono una specie di coincidenza storica. Nella prima metà del 20° secolo, le scuole tendevano ad essere piccole e locali: la maggior parte degli studenti poteva camminare. Lewis fa notare che nel 1950 c’erano ancora 60.000 scuole con una sola stanza in tutto il paese. Nel 1960, quel numero era sceso a circa 20.000.

Secondo Lewis, questa tendenza ha subito un’accelerazione poiché le autorità degli Stati Uniti temevano che l’istruzione, in particolare nelle scienze e nella matematica, fosse in ritardo rispetto al suo acerrimo nemico, l’Unione Sovietica. Descrive come un rapporto del 1959 scritto da James Bryant Conant, un chimico e presidente in pensione di Harvard, raccomandasse che le scuole superiori avessero Classi graduate Almeno 100 – ben lontano dalle piccole scuole locali. Il processo di integrazione delle scuole, già avviato, ha subito un’accelerazione. Le scuole di quartiere hanno continuato a chiudere. E lo scuolabus giallo è rimasto bloccato su un sentiero verso il suo attuale stato iconico.

Per ridurre i costi associati agli autobus, Lewis descrive il numero di distretti i cui orari di inizio della scuola sono scaglionati in modo che possano utilizzare gli stessi autobus per trasportare studenti delle scuole elementari, medie e superiori. A quel tempo, c’era un consenso sociale sul fatto che gli adolescenti avessero bisogno di meno sonno rispetto ai ragazzi, quindi le scuole superiori avevano periodi di sonno più anticipati.

E la scienza dice…

Negli anni ’50 e ’60, gli scienziati hanno dovuto immergersi nel sonno adolescenziale. Ma le cose hanno cominciato a cambiare negli anni ’70, a cominciare dall’esperimento del campo di sonno estivo di Stanford condotto dall’allora dottoranda Mary Carskadon, ora professoressa di psichiatria e comportamento umano alla Brown University. Lewis guida i lettori attraverso i punti salienti dello studio pluriennale, in cui gli scienziati hanno monitorato i modelli di sonno e le metriche che vanno dal monitoraggio delle onde cerebrali ai test cognitivi negli stessi bambini di età superiore ai 10 anni, dal 1976 al 1985.

I risultati sorprendenti sono venuti da questo primo sguardo al sonno adolescenziale. Ad esempio, gli adolescenti hanno bisogno di dormire lo stesso o anche di più rispetto ai bambini più piccoli. In media, tutti i bambini nello studio, indipendentemente dall’età, hanno dormito 9,25 ore a notte. Studi successivi hanno dimostrato che la quantità ideale di sonno per gli adolescenti è compresa tra 8 e 10 ore per notte. Tuttavia, Lewis riferisce che entro il 2019, solo il 22% degli studenti delle scuole superiori ha riferito di dormire regolarmente almeno otto ore, secondo il CDC.

L’altra grande scoperta dell’esperienza dello Stanford Summer Sleep Camp è stata che i bambini più grandi hanno ricevuto spunti energetici nel corso della giornata. Studi successivi hanno dimostrato che quando i bambini raggiungono la pubertà, il loro cervello ritarda il rilascio di melatonina, l’ormone che provoca sonnolenza. Per gli adolescenti, la melatonina aumenta a tarda notte e diminuisce più tardi al mattino, alterando i loro ritmi circadiani. La tendenza degli studenti delle scuole superiori a stare svegli e dormire la mattina non è necessariamente pigrizia o sfida, è biologica.

Eppure eccoci qui, decenni dopo, con l’orario medio di inizio della scuola nel 2017 che inizia alle 8:00 e il 40% delle scuole inizia anche prima. Questo è un cambiamento drammatico rispetto a un secolo fa, quando le scuole superiori negli Stati Uniti occidentali iniziavano alle 9 del mattino, sottolinea Lewis.

Perché le scuole non si sono adattate a questo flusso di nuove informazioni? Beh, alcune scuole ce l’hanno. Lewis elenca numerosi esempi in tutto il libro, mostrando quali scuole hanno raccolto molta influenza positiva, anche nell’era degli smartphone e dei social media.

Lewis descrive uno studio, pubblicato nel 2018, in cui gli studenti dormivano 34 minuti in più ogni notte di scuola quando l’area di Seattle spostava l’ora di inizio alle 8:45. Potrebbe non sembrare molto, ma molti studenti e famiglie hanno dato un feedback positivo, poiché loro fecero. insegnanti, e uno ha descritto l’atmosfera mattutina come “ottimista” – una caratteristica che molti di noi potrebbero trovare frainteso all’inizio.

READ  Goditi lo spettacolo della luna rosa soprannaturale di aprile nella baia lunedì sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.