Gianluca Vialli è morto all’età di 58 anni per rendere omaggio alla leggenda italiana

La Federcalcio italiana ha comunicato che l’ex attaccante di Italia, Juventus e Chelsea, Gianluca Vialli, è morto all’età di 58 anni, dopo una lunga lotta contro un cancro al pancreas.

A Vialli, che ha ottenuto un enorme successo come allenatore del Chelsea dopo la sua illustre carriera da giocatore, è stato diagnosticato per la prima volta un cancro al pancreas nel 2017 e ha annunciato di essersi ripreso completamente nel 2020 dopo il trattamento presso il Royal Marsden Hospital di Londra.

Gli è stata nuovamente diagnosticata la malattia nel 2021 e il mese scorso ha annunciato che si sarebbe dimesso da capo della delegazione della nazionale italiana.

Il quotidiano italiano Corriere della Sera ha riferito poco prima di Natale che sua madre di 87 anni, Maria Teresa, e suo fratello Nino, avevano viaggiato per stare con Vialli in un ospedale londinese.

Durante i suoi 16 anni di carriera calcistica in Italia, Vialli ha vinto tutti i maggiori trofei offerti, compresi i titoli di Serie A con Sampdoria (1991) e Juventus (1995), la Champions League con quest’ultima nel 1996, la Coppa UEFA e la Coppa UEFA . . ‘ tazza. È stato anche quattro volte vincitore della Coppa Italia.

Ha segnato 16 gol in 59 presenze con l’Italia, partecipando ai Mondiali del 1986 e del 1990, e ha aiutato gli Azzurri a raggiungere il terzo posto in quest’ultimo, mentre il suo trasferimento di 12,5 milioni di sterline dalla Sampdoria alla Juventus nel 1992 è stato un record mondiale. al momento.

Vialli è passato al Chelsea nel 1996 e li ha aiutati a vincere la FA Cup alla fine della sua prima stagione prima di guidare il club londinese alla gloria sia in Coppa di Lega che in Coppa delle Coppe UEFA come giocatore-allenatore la stagione successiva.

READ  Euro 2020: ecco quali giocatori ha scelto Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.