ASB Classic: Jenson Broxby mostra il suo potenziale da star con una vittoria su Fabio Fognini

Gli appassionati di tennis si sono divertiti molto lunedì alla sessione odierna dell’ASB Classic.

Hanno avuto modo di vedere una delle future stelle del gioco in Jenson Brooksby, uno dei più grandi interpreti in Fabio Fognini e uno dei migliori in tournée in David Goffin.

Ma soprattutto, non c’era pioggia.

Lunedì sembrava l’ASB Classic vero e proprio per la prima volta quest’anno, una sessione che è iniziata in orario e si è conclusa quando doveva, senza ritardi dovuti alla pioggia.

Leggi di più:
* Come Coco Gauff ha salvato l’ASB Classic Women’s Championship
* Regalo speciale per bambini di South Auckland che ha ispirato il titolo ASB Classic di Coco Gauff
* Ajit Rai si scontra con il numero 71 del mondo, Thiago Monteiro all’ASB Classic

La partita di oggi è stata una vittoria per 6-7 6-1 6-3 per Broxby su Fognini, con il 22enne americano in grado di smorzare la brillantezza dell’italiano e competere bene e tracciare le linee con i vincitori.

Fabio Fognini ha commesso diversi errori dopo il primo set nel suo match contro Jenson Broxby.

Hannah Peters/Getty Images

Fabio Fognini ha commesso diversi errori dopo il primo set nel suo match contro Jenson Broxby.

Classificato 48 al mondo, Brooksby è una delle grandi speranze del tennis americano insieme a Sebastian Korda, Brandon Nakashima e Ben Shelton.

Vivere con quell’aspettativa sulle spalle può essere difficile quando vieni da un paese che pretende molto dai suoi giocatori, ma Broxby ha dimostrato in questa partita di potercela fare.

“Ho avuto un po ‘di nervosismo lì”, ha detto Broxby.

“Era previsto, dovevo lottare per il comando, ho perso il set ed ero orgoglioso della mia determinazione mentale a continuare a gareggiare, ho cambiato il secondo set e sono tornato a lottare nel terzo.

“Il mio cuore, la mia forza, il mio gioco è stato davvero buono lì e ho fatto un buon lavoro con quello in bassa stagione.

“So che è solo un gioco, ma sono felice di vederne i frutti e non vedo l’ora di mantenere quel livello”.

La testa di serie numero 5 belga David Goffin ha eliminato Aleksandr Bublik del Kazakistan nella partita precedente e ha vinto 6-3 6-4.

David Goffin ha fatto la sua prima apparizione in ASB Classic in nove anni lunedì.

Hannah Peters/Getty Images

David Goffin ha fatto la sua prima apparizione in ASB Classic in nove anni lunedì.

Il 32enne Goffin si è classificato settimo al mondo ed è un giocatore molto migliore di quanto suggerirebbe la sua attuale classifica, ma è stato uno dei tanti giocatori che sono stati vittime della decisione dell’ATP di non assegnare la classifica. Punto con Wimbledon lo scorso anno, dove il suo miglior torneo è stato nel 2022, dove ha raggiunto i quarti di finale, dove ha perso contro Cameron Norrie.

Se Goffin ottiene quei punti, la sua classifica sarà tra i primi 40 e sarà testa di serie ad Auckland.

È un peccato, ma lo sapevamo prima”, ha detto Goffin.

“È un torneo che amo e sono stato due volte ai quarti di finale e lì ho giocato delle partite fantastiche.

“Spero di fare lo stesso quest’anno, ma mi dimostra che posso ancora giocare a tennis e posso ancora battere alcuni grandi giocatori e spero di riuscirci anche quest’anno”.

Nel frattempo, la sfortuna del neozelandese Artem Sitak è continuata nel Classic quando lui e il suo partner americano Alex Lawson hanno perso 7-6, 6-2 contro le teste di serie numero 2 Marcelo Granollers e Horacio Zeballos.

“È stato un sorteggio difficile, penso che abbiamo giocato bene, ma questi ragazzi sono stati la coppia migliore degli ultimi cinque anni”, ha detto Sitak.

“Oggi hanno giocato molto bene. Ho controllato le statistiche dopo la partita e ho sentito che hanno fatto una prestazione incredibile e hanno avuto l’89% per la partita, che è molto alto”.

La Nuova Zelanda si è distinta nel doppio negli ultimi anni, ma il Classic è un torneo che spesso attira le migliori squadre di doppio del mondo, che cercano di giocare partite extra prima dell’Australian Open.

“Per un 250, questo è sempre stato un evento molto forte. È più simile a un evento 500 e va bene”, ha detto Sitak.

“Penso di aver suonato il numero 1 o il numero 2 sei o sette volte qui, quindi sai che probabilmente interpreterai qualcuno che è il numero 10 al mondo.

“Ho detto ad Alex che non ho avuto fortuna nel sorteggio qui, quindi preparati a giocare la prima testa di serie o la seconda testa di serie e quella era la seconda testa di serie.

“Ma cerchiamo di uscirne con un atteggiamento positivo, che abbiamo gareggiato bene, che eravamo vicini al primo gruppo e dobbiamo imparare da questo”.

READ  Il rugby di Gloucester segna una pietra miliare in Europa con una grande vittoria su Benetton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.