All’interno di una clinica psichiatrica italiana abbandonata dove furono giustiziati 70 prigionieri di guerra della seconda guerra mondiale

Queste nuove foto ritraggono il passato inquietante di una clinica psichiatrica italiana abbandonata, scandalizzata per l’uso di tecniche disumane per curare i pazienti e dove decine di soldati furono giustiziati durante la seconda guerra mondiale.

Più di 70 soldati della Repubblica Sociale Italiana fascista sono stati massacrati a Vercelli, in Piemonte, nel nord Italia, dopo essere stati trattenuti in un vicino stadio utilizzato come campo di prigionia.

Il 12 maggio 1945 un gruppo di partigiani caricò i prigionieri sulle auto e li trasportò al manicomio, rinchiudendoli dopo aver costretto il personale ad allontanarsi.

I prigionieri sono stati duramente picchiati e divisi in gruppi.

La maschera bianca su una sedia a rotelle cattura perfettamente la qualità spettrale di questo gruppo di immagini

Più di 70 soldati della Repubblica Sociale Italiana fascista sono stati massacrati a Vercelli, in Piemonte, nel nord Italia, dopo essere stati trattenuti in un vicino stadio utilizzato come campo di prigionia. Il 12 maggio 1945 un gruppo di partigiani caricò i prigionieri sulle auto e li trasportò al manicomio, rinchiudendoli dopo aver costretto il personale ad allontanarsi.

I prigionieri sono stati duramente picchiati e divisi in gruppi.  La maggior parte di loro è stata poi eseguita utilizzando varie tecniche raccapriccianti: alcuni sono stati uccisi e altri sono stati lanciati dai finestrini o schiacciati sotto le ruote di un camion.  La maggior parte di loro è stata poi eseguita utilizzando varie tecniche raccapriccianti: alcuni sono stati uccisi e altri sono stati lanciati dai finestrini o schiacciati sotto le ruote di un camion.

I prigionieri sono stati duramente picchiati e divisi in gruppi. La maggior parte di loro è stata poi eseguita utilizzando varie tecniche raccapriccianti: alcuni sono stati uccisi e altri sono stati lanciati dai finestrini o schiacciati sotto le ruote di un camion. La maggior parte di loro è stata poi eseguita utilizzando varie tecniche raccapriccianti: alcuni sono stati uccisi e altri sono stati lanciati dai finestrini o schiacciati sotto le ruote di un camion.

La maggior parte di loro è stata poi eseguita utilizzando varie tecniche raccapriccianti: alcuni sono stati uccisi, altri sono stati lanciati dai finestrini o schiacciati sotto le ruote di un camion.

Negli anni ’60 la reputazione del manicomio si deteriorò ulteriormente quando diversi infermieri accusarono il direttore di usare metodi “psicologicamente violenti” sui pazienti.

Il manicomio, costruito negli anni ’30, è stato definitivamente chiuso nel 1978 a seguito della legge italiana sulla salute mentale del 1978, legge 180.

READ  Post Malone donated 10,000 fully sold Crocs to frontline workers

Conosciuta anche come “Legge Basaglia” dal nome del suo principale sostenitore, lo psichiatra italiano Franco Basaglia, conteneva una direttiva per chiudere tutti i manicomi e sostituirli con servizi di comunità per i pazienti.

(Nella foto: uno spazio per spettacoli al manicomio) Negli anni '60, la reputazione del manicomio si deteriorò ulteriormente quando molte delle sue infermiere accusarono il direttore di usare metodi

(Nella foto: uno spazio per spettacoli al manicomio) Negli anni ’60, la reputazione del manicomio si deteriorò ulteriormente quando molte delle sue infermiere accusarono il direttore di usare metodi “psicologicamente violenti” sui pazienti. Il manicomio, costruito negli anni ’30, è stato definitivamente chiuso nel 1978 a seguito della legge italiana sulla salute mentale del 1978, legge 180

Il complesso comprende 20 ali, con al centro una cappella che conserva ancora alcuni degli affreschi demoliti

Il sito rimane in uno stato fatiscente, disseminato di montagne di cartelle cliniche riservate

Dopo la chiusura dell’ospedale psichiatrico, il sito è stato utilizzato come normale ospedale fino al 1991, anno in cui è stato chiuso e sostituito da un nuovo ospedale nelle vicinanze. Le immagini sono state scattate dalla fotografa Annalisa, 30 anni, di Milano, Italia, con una Nikon D3100

Il disegno di legge 180 è ora considerato uno degli atti legislativi sulla salute mentale più estremi di sempre, ha immediatamente vietato l’ammissione di nuovi pazienti negli ospedali psichiatrici e, tre anni dopo, l’ammissione di pazienti precedentemente ricoverati.

Dopo la chiusura dell’ospedale psichiatrico, il sito è stato utilizzato come normale ospedale fino al 1991, anno in cui è stato chiuso e sostituito da un nuovo ospedale nelle vicinanze.

Il sito è ancora in uno stato di abbandono, disseminato di pile di cartelle riservate dei pazienti.

La maschera bianca su una sedia a rotelle cattura perfettamente la qualità spettrale di questo gruppo di immagini.

Una foto mostra cassetti pieni di appunti di pazienti sormontati da un libro del 1953 sulla chirurgia cardiotoracica.

Un altro raffigura un altare di preghiera deserto drappeggiato in velluto marrone.

Il fotografo ha detto: 'All'interno di questi reparti ci sono ancora carte (ingresso, uscita e morte dei pazienti), giornali, dispositivi elettronici (computer e televisori), stoviglie e altri oggetti per la casa e libri di psichiatria.

Il fotografo ha detto: ‘All’interno di questi reparti ci sono ancora carte (ingresso, uscita e morte dei pazienti), giornali, dispositivi elettronici (computer e televisori), stoviglie e altri oggetti per la casa e libri di psichiatria.

Le immagini sono state scattate dalla fotografa milanese Annalisa, 30 anni, con una Nikon D3100.

Ha detto che doveva entrare nel manicomio scavalcando un muro nei campi dietro l’edificio perché l’ingresso principale era sulla strada principale del paese ed era ben visibile.

‘Entrare in un luogo deserto è sempre impressionante’, ha detto Annalisa, ‘e quando entri in un manicomio puoi quasi riconoscere la sofferenza che c’era in passato.

I libri di testo in ritardo sulla psicologia sono tra gli articoli in declino

Annalisa è dovuta entrare nel manicomio scavalcando un muretto nei campi dietro l’edificio perché l’ingresso principale era sulla strada principale del paese ed era ben visibile. “È sempre impressionante entrare in un luogo deserto”, ha detto, “e quando entri in un ospedale psichiatrico, puoi quasi riconoscere la sofferenza che c’era in passato”.

I lunghi corridoi vuoti lasciano una sensazione di oppressione e ti fanno sentire in trappola.

Essendo una struttura molto frequentata, tutte le porte erano aperte. Bisognava solo stare attenti a non fare rumore perché nelle vicinanze c’era uno studio medico ed era pericoloso farsi beccare.

Ha indicato che il complesso comprende 20 ali, con una piccola cappella al centro che conserva ancora alcuni dei dipinti murali demoliti.

Ha detto che il reparto più utilizzato è quello dove sono ospitati i pazienti e dove le persone con problemi più gravi sono rinchiuse in stanze molto piccole.

Ha detto che i piani inferiori erano “dove il trattamento sembra essere stato effettuato utilizzando dosi massicce di morfina e scosse elettriche”.

Continua Annalisa: “Gli altri reparti erano per lo più adibiti alla riabilitazione dei malati (anche con metodi sperimentali, alcuni dei quali oggi considerati disumani) e c’erano un auditorium e un palco (poi incendiati da un incendio doloso), un’area per bambini e una zona di accoglienza.

(Nella foto: un bunker sotterraneo della proprietà) Se ne accorse Annalisa

(Nella foto: un bunker sotterraneo all’interno della proprietà) Annalisa ha osservato “le cantine dove sembra sia stato effettuato il trattamento con dosi massicce di morfina e scariche elettriche”. Aggiungeva: “Le altre sezioni erano utilizzate per lo più per la riabilitazione dei pazienti (anche con metodi sperimentali, alcuni dei quali oggi considerati disumani) e c’erano un auditorium e un palcoscenico (poi incendiati da un incendio doloso), un’area per bambini e una zona di accoglienza. “

All’interno di questi reparti si trovano ancora tessere (ingresso, uscita e morte dei pazienti), giornali, apparecchi elettronici (computer e televisori), stoviglie e altri oggetti per la casa, libri di psichiatria.

Oggi, all’interno del complesso, regna il caos accompagnato da uno scenario da film horror.

Strutture amministrative si affacciano sul corridoio, dove porte crepate e macerie conducono a stanze ricoperte di documenti onnipresenti. Le pareti sono in parte intonacate e ricoperte di muffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.