Aggiornamento della NASA sui problemi del motore Starliner: va bene

Ingrandire / La navicella spaziale Starliner della Boeing ha effettuato il suo avvicinamento finale alla Stazione Spaziale Internazionale il mese scorso.

Prima di consentire alla capsula dell'equipaggio Starliner della Boeing di partire dalla Stazione Spaziale Internazionale e dirigersi verso la Terra, i manager della NASA vogliono assicurarsi che i problematici attuatori di controllo del veicolo spaziale possano aiutare a guidare l'equipaggio di due persone della nave verso casa.

I due astronauti che hanno lanciato il 5 giugno il primo volo di prova con equipaggio della navicella spaziale Starliner erano d'accordo con i dirigenti, anche se mercoledì avevano affermato di sentirsi a proprio agio nel riportare la capsula sulla Terra in caso di emergenza che potesse richiedere l'evacuazione dello spazio. stazione.

Gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Sonny Williams sarebbero dovuti tornare sulla Terra settimane fa, ma i manager li hanno tenuti sulla stazione mentre gli ingegneri continuano a indagare sui problemi dei propulsori e sulle perdite di elio che hanno afflitto la missione sin dal lancio.

“Questa è una missione difficile quella che stiamo affrontando”, ha detto ai giornalisti il ​​comandante della Starliner Will Moore in una conferenza stampa dalla stazione spaziale mercoledì “Il volo spaziale umano non è facile in nessun sistema e ci sono stati molteplici problemi con qualsiasi veicolo spaziale che sia mai stato progettato, e questa è la natura di “Ciò che facciamo”.

Cinque dei 28 propulsori del sistema di controllo della reazione sul modulo di servizio Starliner hanno smesso di funzionare mentre il veicolo spaziale si avvicinava alla stazione spaziale il mese scorso. Il software di volo dello Starliner disabilitò i cinque motori di controllo quando iniziarono a surriscaldarsi e a perdere spinta. Quattro dei motori furono successivamente recuperati, anche se alcuni non furono in grado di raggiungere la piena potenza quando lo Starliner arrivò all'attracco.

READ  A Sarasota sono stati segnalati sei casi di malaria acquisita localmente

Wilmore, che ha assunto il controllo manuale di parte dell'avvicinamento dello Starliner alla stazione spaziale, ha affermato di aver avvertito un calo nella qualità della manovrabilità del veicolo spaziale a causa del temporaneo guasto dei propulsori. “Si potrebbe dire che si era deteriorato, ma era comunque impressionante”, ha detto. Alla fine, lo Starliner attraccò alla stazione in modalità pilota automatico.

A metà giugno, gli astronauti dello Starliner hanno riacceso i propulsori e i livelli di spinta erano più vicini alla normalità.

“Quello che vogliamo sapere è che i propulsori siano in grado di funzionare; se il loro rapporto di spinta, qualunque esso sia, possiamo metterlo in un pacchetto che ci permetterà di deorbitare”, ha detto Williams, l'astronauta della NASA che serve come pilota dello Starliner. . “Questo è lo scopo principale di cui abbiamo bisogno [for] Modulo di servizio: per fornirci una buona spinta per portarci fuori dall'orbita in modo da poter tornare indietro.

Questi piccoli motori non sono necessari per il processo di incendio in orbita, che utilizzerà un diverso set di motori per rallentare lo Starliner abbastanza da permettergli di deorbitare e dirigersi verso l'atterraggio. Ma lo Starliner ha bisogno di abbastanza jet di controllo per manovrare nella giusta direzione per sparare in orbita.

Questo volo di prova è la prima volta che gli astronauti volano nello spazio a bordo del veicolo Starliner della Boeing, dopo anni di ritardi e contrattempi. Starliner è la seconda capsula commerciale per equipaggio umano della NASA ed è pronta ad unirsi alla navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX in una serie di missioni che trasporteranno astronauti da e verso la stazione spaziale nel resto del decennio.

READ  Esotiche creature marine illuminano l'alba del regno animale

Ma prima, Boeing e NASA devono completare in sicurezza il volo di prova dello Starliner e risolvere i problemi del propellente del veicolo spaziale e le perdite di elio prima di procedere con le missioni operative di rotazione dell'equipaggio. Una navicella spaziale Crew Dragon è attualmente attraccata alla stazione, ma Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, ha detto mercoledì ai giornalisti che per ora Wilmore e Williams stanno ancora pianificando di tornare a casa a bordo dello Starliner.

“La cosa bella del programma per l'equipaggio commerciale è che abbiamo due veicoli diversi e due sistemi che possiamo utilizzare per riportare indietro l'equipaggio”, ha affermato Stitch. “Quindi abbiamo più tempo per rivedere i dati e poi decidere se necessario fare qualcosa di diverso, ma l’opzione principale oggi è riportare Butch e Sonny.” “Al momento, non vediamo alcun motivo per cui ciò non dovrebbe accadere”.

Mark Nappi, responsabile del programma Starliner di Boeing, ha affermato che i funzionari hanno identificato più di 30 azioni per indagare su cinque “piccole” perdite di elio e problemi al motore a reazione nel modulo di servizio dello Starliner. “Tutti questi elementi dovrebbero essere completati entro la fine della prossima settimana”, ha aggiunto Nabi.

“È un volo di prova, il nostro primo con un equipaggio, e stiamo facendo un piccolo sforzo in più per assicurarci di capire tutto prima di impegnarci a deorbitare”, ha detto Stitch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *