Zidane ha due grandi colpi da tirare in Coppa Saudita

L’incontro di Supercoppa tra i colossi milanesi porta a Riyadh la rinascita del calcio italiano

Le persone in Medio Oriente che hanno seguito a lungo il calcio europeo vedono la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 come un’epoca d’oro per il calcio italiano.

Il Milan di Arrigo Sacchi e l’Inter di Giovanni Trapattoni, entrambe caratterizzate da un mix delle migliori esportazioni di tutto il continente e dei migliori talenti italiani, hanno catturato l’immaginazione nello stesso modo in cui hanno fatto il Real Madrid e il Barcellona ai nostri giorni. Cristiano Ronaldo e Lionel Messi.

Nell’angolo rossonero c’era il trio olandese composto da Ruud Gullit, Marco van Basten e Frank Rijkaard, mescolato a Franco Baresi, Paolo Maldini e Carlo Ancelotti. E nell’angolo azzurronero, il trio tedesco formato da Jürgen Klinsmann, Lothar Matthaus e Andreas Brehme, affiancato da Walter Zenga, Giuseppe Bergomi e Aldo Serena.

Tra loro, Milan e Inter puliti, in patria e in Continente.

E incontrerà, mercoledì sera, l’ultima incarnazione dei giganti del Milan nella Supercoppa Italiana, la Supercoppa Italiana, al King Fahd International Stadium di Riyadh.

Lorenzo Cassini, che sarà nominato presidente della Serie A nel 2022, conosce bene i paragoni tra le attuali squadre di Milan e Inter – guidate rispettivamente da Stefano Pioli e Simone Inzaghi – e l’ex mitica squadra.

“È interessante perché la storia del calcio ora deve essere ripercorsa nel corso dei secoli”, ha detto ad Arab News.

“Certo, abbiamo dei cicli. Milan e Inter sono come Real Madrid e Manchester United. Alcuni vincono di più, altri di meno. Ma siamo sicuri che insieme alle altre squadre italiane torneremo ai grandi anni Novanta”.

Quella di mercoledì sarà la terza volta che si disputerà in Arabia Saudita la finale tra la vincitrice dello scudetto e della coppa.

READ  Nadal "fa tutto il possibile" per essere in forma per il torneo

Nel 2018, la Juventus ha battuto il Milan 1-0 e Cristiano Ronaldo ha segnato il gol della vittoria al King Abdullah Sports City Stadium di Gedda. Un anno dopo, la Lazio ha battuto la Juventus 3-1 al Marsool Park di Riyadh

“Avere una Supercoppa qui è molto importante perché è una grande opportunità per il calcio italiano, per migliorare le nostre capacità”, ha detto Cassini durante un pranzo offerto dall’ambasciatore italiano nella sua residenza a Riyadh.

“Siamo anche soddisfatti dell’organizzazione perché è un’opportunità non solo per promuovere lo sport, ma anche per rafforzare il nostro rapporto con questo Paese”.

La Premier League italiana è in trattativa per estendere la Supercoppa italiana in Arabia Saudita. Durante l’estate ci sono state anche segnalazioni sulla possibilità di espandere il formato per includere quattro squadre, simile alla Supercoppa spagnola, che si è conclusa domenica a Riyadh.

“Come Italia, siamo stati il ​​primo paese e la prima federazione nazionale a venire qui e ne siamo stati molto contenti”, ha detto Cassini.

“Sappiamo ora che ci sono tante proposte sul tavolo, soprattutto il format, e questo è un aspetto che la Lega Nazionale sta valutando con molta attenzione. E ovviamente siamo molto interessati a promuovere ed esportare il calcio italiano all’estero”.

Il campionato italiano ha assistito a una sorta di rinascita negli ultimi anni, poiché nel 2021 l’Inter ha rotto il monopolio di nove anni della Juventus. Quello è stato seguito un anno dopo che il Milan ha vinto il suo primo titolo di Serie A dal 2011. In questa stagione, l’impressionante squadra del Napoli di Luciano Spalletti guida il campionato con nove punti, allo stato attuale.

Soprattutto, alcuni dei giocatori più ricercati d’Europa hanno fatto dell’Italia la loro casa.

READ  Hakan Calhanoglu ripristina la fiducia dell'allenatore Simon Inzaghi nell'ultima forma, sostengono i media italiani

“Da un lato sta crescendo, soprattutto se vedi giovani (giocatori). Certo, le condizioni finanziarie sono cambiate e questo ha spinto le squadre a cercare nuove ricette per ingaggiare i migliori giocatori”, ha detto Cassini.

“Quindi c’è più investimento sui giovani atleti, c’è anche più capacità di trovare atleti o giocatori alla fine del loro contratto, in modo che possano essere pagati meglio.

“Quindi ci sono tanti trucchi che sono stati usati per migliorare la qualità del nostro campionato. E il Napoli lo dimostra, non solo in Nazionale ma anche in Champions League”.

Con Massimiliano Allegri tornato alla Juventus, Maurizio Sarri alla Lazio, Jose Mourinho alla Roma e Gian Piero Gasperini all’Atalanta, la Serie A ospita anche alcuni dei migliori allenatori d’Europa.

“A volte il Campionato Nazionale Italiano viene definito il più bello del mondo, era e rimane il più duro del mondo per due motivi”, ha detto Cassini.

“La prima è che abbiamo difensori molto bravi, è molto difficile segnare con i difensori italiani.

“In secondo luogo, probabilmente abbiamo i migliori allenatori. Quindi la tattica e la strategia sono molto importanti, e questo è il rovescio della medaglia: a volte possono potenzialmente creare un gioco più frammentato. Quindi è un problema a cui dobbiamo pensare”.

Mentre la Serie A torna in auge, la Nazionale italiana continua a stupire. Dopo aver vinto l’Europeo 2020 rinviato con una vittoria per 2-1 sull’Inghilterra nella finale di Wembley nel 2021, gli azzurri non sono riusciti a qualificarsi ai Mondiali in Qatar. Cassini afferma che tali discrepanze non sono una novità.

Questo era un paradosso. Da un lato, se vedi la storia delle vittorie italiane, ogni volta che vincevamo qualcosa in nazionale, un anno dopo o due anni dopo, non eravamo così bravi”.

READ  La stella del Manchester City è stata proposta ai giganti italiani quest'estate: il club non era `` completamente tagliato fuori ''

“È successo nel 1982; abbiamo vinto (la Coppa del Mondo) in Spagna. È successo nel 2006 (in Germania), quindi è qualcosa che appartiene alla nostra storia. In effetti, neanche noi siamo stati fortunati. Ma se vedi la nazione campionato ora, siamo di nuovo noi.Nel quarto turno.

Una vittoria italiana spicca su tutte le altre nella mente di Cassini.

“Forse nel 1982,” disse, “perché avevo sei anni.” “Quindi vedo Paolo Rossi, è stato impressionante. Ricordo di essere andato in Egitto nel 1988, viaggiare, e ancora tutti, dai tassisti agli acquirenti, dicendo: ‘Italia, Paolo Rossi’ – era qualcosa nel mio cuore e lo sarà sempre .” Sempre. “

Tornando al presente, Cassini ritiene che l’Arabia Saudita stia ora argomentando per essere considerata un centro calcistico globale.

“Penso che sia, e questo è ciò che dimostrano i fatti, che l’Arabia Saudita stia investendo molto nel futuro del calcio e nel futuro dello sport”, ha detto.

“Il caso di Cristiano Ronaldo ne è la prova, così come l’impegno per il premio Expo è una prospettiva più generale e culturale, così lo è la corsa ai Mondiali.

“Questo dimostra chiaramente che l’Arabia Saudita sta pianificando enormi investimenti nel calcio. Questo è qualcosa che andrà sicuramente a beneficio di tutti”.

Mercoledì sera il calcio italiano sarà sotto i riflettori regionali e gli sforzi di Cassini per elevare il profilo della Serie A continueranno.

“È qualcosa che abbiamo sempre fatto”, ha detto. “Siamo andati in Cina, abbiamo suonato in Libia una volta, siamo andati negli Stati Uniti, siamo andati in Qatar. Quindi siamo felici di essere qui in Arabia Saudita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.