Non so se chiuderò la nuova Grotta Colossale o ne rimarrò ipnotizzato

Non so se chiuderò la nuova Grotta Colossale o ne rimarrò ipnotizzato. Questo è un gioco originariamente uscito nel 1976, giocato interamente in testo – stampato su carta, in alcuni casi – e rifatto in 3D. Le caverne che una volta esploravi nella tua immaginazione ora sono tutt’intorno a te.

Solo che le linee guida del testo sono ancora qui, solo ora narrate. Quindi, mentre vaghi nel nuovo mondo 3D, il simbolo dell’occhio e del narratore ti dà anche vecchi spunti di cui non hai più bisogno. “Sei in una grande caverna” per esempio.

Ma c’è anche qualcosa nel modo in cui funziona. Colossal Cave funge da avventura, tipo di gioco punta e clicca. C’è l’inventario e usi le cose per altre cose. Non puoi nemmeno aprire una porta finché non passi e “usa” il simbolo della mano, e lo stesso vale per le scale. Non ci sono salti, né accovacciamenti, e il gioco ti blocca in posizione quando ti imbatti in qualcuno mentre si imbatte in una sorta di breve animazione.

È come vedere il tipo di mondo 3D che conosciamo così bene in questi giorni, ma tratteniamoci dall’esplorarlo con la fluidità a cui siamo abituati. È come se Colossal Cave, sebbene voglia essere nuovo, non riesca a scrollarsi di dosso il passato.

READ  Trio di giochi PS Plus Assassin's Creed non sarà giocabile su PS5

Puoi capirlo qui. Capisci cosa intendo?

Ma c’è una buona ragione per questo! C’è un intero background nel gioco che dovresti sapere. Segue Ken e Roberta Williams, che hanno creato Sierra On-Line negli anni ’80 ed erano l’enorme azienda di videogiochi OG prima che arrivassero i nomi familiari di oggi. Ken gestiva l’attività e Roberta fabbricava i giocattoli. E tutto è iniziato per loro con Colossal Cave: Roberta l’ha suonata e non si è mai guardata indietro.

Ma quell’impero è crollato. Ken era troppo nervoso, quindi Roberta lo ha convinto a ritirarsi dall’azienda, ha seguito l’acquisizione con indagini per frode – non correlate a Williams – e l’intera faccenda è andata in pezzi. Troppo drammatico. E poi, forse per questo, Ken e Roberta in toto Stai lontano dai giochi – e intendo completamente. Non hanno ripreso un gioco nei decenni successivi. Invece sono saliti sulle barche e sono diventati esploratori.

Poi, però, si è chiuso e Ken si è annoiato e ha iniziato a giocherellare creando un gioco, e Roberta non ha potuto fare a meno di vederlo da sopra la spalla. E un giorno non ce la fece più e fu tentata di assicurarsi che fosse fatto bene, il che significava prendere in mano il progetto e il gioco. E questo gioco, avrete intuito, è questo, Colossal Cave 3D.

So tutto questo perché Recentemente ho fatto un podcast con Ken e RobertaE ciò che mi ha davvero colpito è stato parlare con Roberta e sentire quanto sia coraggiosa di fronte a un settore così orientato agli uomini e in un settore in cui non è stato fatto molto di ciò che vuole fare. Doveva spianare la strada. E così ha fatto la serie King’s Quest. La prospettiva del suo ritorno ai giochi di avventura era entusiasmante per me.

READ  La serie Pixel 6 riceverà la gomma magica "Camouflage" il 28 luglio

Ma come ha potuto creare un gioco di avventura moderno se non ci giocava da 25 anni? I suoi progetti non sarebbero stati incredibilmente obsoleti? Ciò che mi preoccupa di più è sentire Williams dire che non erano a conoscenza di nulla di ciò che è stato fatto in quegli anni che si sono sentiti così intimiditi – pensavano ancora di poter fare di meglio. Insolenza! Ma è lo spirito che li ha resi così vincenti con Sierra On-Line. Forse possono tornare indietro e riprendere da dove si erano interrotti.

In qualche modo hanno. Non nel senso che hanno creato il tipo di gioco che possiamo aspettarci nel 2023, ma perché hanno creato qualcosa che sembra provenire dagli anni ’90. Anche la nuova grafica sembra vecchia. Colossal Cave 3D sembra vecchio, si muove da vecchio e si comporta da vecchio. Quando lo metti accanto a un gioco come Edith Finch, non c’è paragone.









Questa casa in basso a destra è la prima cosa che vedi prima di iniziare ad esplorare le grotte. È la tua prima impressione, beh, fai esplodere l’immagine e guarda cosa ne pensi.

Ma lo trovo anche affascinante, perché quale altro gioco oggi ti butta in un labirinto e non ti dà spiegazioni su cosa devi fare per uscirne? Non c’è niente qui, e nessuno del livellamento della mano che ci aspettiamo nei giochi. Ci sono solo indizi sparsi intorno a te, mappe e la tua mente. Prova le cose e riprova: è la vecchia scuola. E una volta che ti sei sistemato in quel ritmo, c’è una gioia nostalgica in esso.

Posso consigliarlo? Non so se potrei, e non ho suonato da nessuna parte abbastanza vicino perché questa sia una recensione. Ovviamente, il gioco non sarà per tutti. Ma se qualcosa che ho detto ha colpito una corda in te, potrebbe essere sufficiente. Pensalo come antiquariato. È anche nella realtà virtuale, se ti piace.

READ  Pokemon e Mini Cooper annunciano una nuova auto elettrica ispirata a Pikachu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.