Un video drammatico mostra il momento in cui le forze dell'esercito israeliano hanno aperto il fuoco su proprietà a Gaza che contenevano ostaggi

Lunedì scorso è emerso che i commando israeliani che sabato hanno effettuato l'audace salvataggio di quattro ostaggi erano vestiti da militanti di Gaza e di Hamas, secondo i rapporti.

Il Times of Israel ha riferito, citando testimoni oculari che hanno parlato con i media arabi, che l'unità, che includeva donne in abiti locali, è entrata sabato nel campo di Nuseirat, nel centro di Gaza.

Secondo il Washington Post, testimoni palestinesi hanno descritto come le forze sono arrivate a bordo di due veicoli travestiti che trasportavano beni commerciali e mobili.

Uno somigliava a un camion che trasportava una marca di detersivo per piatti, mentre l'altro era una Mercedes bianca carica di materassi che assomigliavano agli averi degli sfollati di Gaza.

L'esercito israeliano aveva precedentemente negato di aver utilizzato camion civili.

Un video proveniente dal centro del campo, verificato dal giornale, mostrava un'auto Mercedes bianca parcheggiata accanto a due scale sul lato di un edificio residenziale che portavano al piano superiore. “Sono qui”, disse una voce femminile dietro la telecamera.

Un testimone di nome Hussam Al-Arouki, 33 anni, ha detto di aver visto uomini in abiti civili e circa 10 soldati pesantemente armati uscire dalla Mercedes, aprire il fuoco e sparare a suo fratello.

Sabato, alla domanda sui rapporti secondo cui gli agenti avrebbero effettuato la missione in abiti civili, il portavoce dell'IDF, l'ammiraglio Daniel Hagari, ha rifiutato di fornire dettagli su “tecniche e metodi”, citando la sicurezza operativa.

Ha aggiunto: “Ma stiamo facendo cose inimmaginabili e continueremo a fare cose inimmaginabili e a correre rischi per ottenere informazioni di intelligence e anche per effettuare operazioni per riportare a casa i nostri ostaggi”.

READ  Soldati francesi affrontano un tribunale militare per una lettera di avvertimento di una "guerra civile" | Francia

L'esercito israeliano ha detto che i quattro ostaggi erano trattenuti in due edifici residenziali separati e dovevano essere perquisiti esattamente nello stesso momento.

Il salvataggio è stato effettuato in pieno giorno per massimizzare l'elemento sorpresa ma anche aumentare il rischio di uno scontro a fuoco.

Secondo Hagari, che seguiva la missione in tempo reale sui monitor del centro di comando israeliano, il salvataggio della signora Argamani non è avvenuto senza intoppi, ma le guardie nell'appartamento dove erano trattenuti i tre uomini hanno aperto il fuoco sulla squadra di commando, ferendo il leader della squadra Arnon. Zamora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *