Un video di Hamas mostra i corpi di due ostaggi israeliani e di un terzo prigioniero, ancora vivi notizie dal mondo

Il ministro della Difesa israeliano ha descritto il video come un “abuso psicologico” contro le famiglie israeliane e ha affermato che non verranno rilasciati altri prigionieri a meno che non continui la pressione militare.


Lunedì 15 gennaio 2024 alle 20:41, Regno Unito

Il movimento di resistenza islamica “Hamas” ha trasmesso un video che mostra i corpi di due ostaggi israeliani tenuti nella Striscia di Gaza.

I corpi di Yossi Sharabi, 53 anni, e Itai Svirsky, 38 anni, sarebbero apparsi nel filmato, narrato da un terzo ostaggio, Noa Argamani, 26 anni.

La signora Argamani è stata sentita dire che gli altri due sono stati uccisi da “attacchi dell'IDF”, riferendosi all'esercito israeliano.

Gli Stati Uniti affermano che gli Houthi hanno colpito una nave mercantile: segui l'ultima

Ma il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha accusato Hamas di mentire.

Ha detto: “Itay non è stato esposto al fuoco delle nostre forze – questa è una bugia. L'edificio in cui si trovavano non è stato preso di mira, né è stato bombardato dalle nostre forze”.

“Non sapevamo in tempo reale dove fossero i rapitori. Non stiamo prendendo di mira nessun luogo dove sappiamo che potrebbero esserci dei rapitori.

Ha aggiunto: “Abbiamo già bombardato obiettivi vicini al loro luogo di detenzione, e attualmente stiamo indagando sull'incidente e sulle sue circostanze ed esaminando le foto pubblicate da Hamas oltre ad altre informazioni a nostra disposizione”.



immagine:
(LR) Yossi Sharabi e Itai Svirsky

Ciò avviene il giorno dopo che i tre ostaggi sono apparsi vivi Gaza In Un altro video Rilasciato da agitazioneHa esortato il governo israeliano a fermare i suoi attacchi aerei e sotterranei e a rilasciarli.

READ  L'ingresso dell'Olanda in Eurovision ha segnato il Black Lives Matter.

Il video senza data di 37 secondi di Al-Mashroubi, Svirsky e Argamani terminava con il commento: “Domani (lunedì) vi informeremo del loro destino”.

Poi, lunedì, Hamas ha pubblicato un video che fa seguito a quello pubblicato domenica, che mostra i volti dei tre e propone tre opzioni: ucciderli tutti e tre, “ucciderne alcuni, ferirne altri” o salvarli tutti e tre.

Si concludeva con il messaggio: “Stasera vi racconteremo il loro destino”.

IsraeleIl ministro della Difesa Yoav Galant ha risposto al terzo video, accusando il gruppo armato palestinese di aver commesso “abusi psicologici” contro le famiglie israeliane in un momento in cui stanno subendo pesanti perdite sul campo di battaglia.

Ha anche detto che, a meno che la pressione militare non continui, Hamas non accetterà di rilasciare altri prigionieri.

Gallant ha affermato che l'operazione dell'esercito israeliano nel sud di Gaza è prossima alla fine.

All’inizio di questo mese, Israele ha dichiarato che le sue forze erano esaurite Smantellamento del “quadro militare” di Hamas nel nord Dalla Striscia di Gaza.

La sorella dell'ostaggio parla a Sky News

Lunedì Gallant ha anche affermato che la fine della guerra deve essere accompagnata dalla diplomazia, aggiungendo che la leadership nella Striscia dovrebbe poi essere lasciata ai palestinesi.

Le forze israeliane hanno continuato a bombardare obiettivi in ​​tutta la Striscia e si sono scontrati con i militanti nelle regioni meridionali e centrali.

Per saperne di più:
Un campione di karate è morto a Gaza in seguito alle ferite riportate in un attacco missilistico
Israele afferma che le affermazioni del Sud Africa sono “palesemente false e distorte”
Gli abitanti di Gaza parlano del loro disperato bisogno di più cibo

READ  L'operatore umanitario britannico prigioniero Dylan Healy rischia la pena di morte nell'Ucraina controllata dai separatisti

Sharabi, Svirsky e Argamani erano tra le 240 persone prese in ostaggio da Hamas durante un attacco transfrontaliero a sorpresa nel sud di Israele il 7 ottobre. Nel massacro furono uccise circa 1.200 persone.

Questa è un'edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

Circa la metà dei 240 prigionieri sono stati rilasciati durante una tregua durata una settimana lo scorso novembre.

Ma Israele dice che 132 rimangono a Gaza e 25 sono morti in prigionia.

Le autorità palestinesi hanno affermato che più di 24.000 persone, tra cui molte donne e bambini, sono state uccise negli attacchi di ritorsione israeliani contro Gaza dopo il massacro di Hamas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *