Si è qualificato per i quarti di finale della Coppa del Mondo con una popolazione inferiore rispetto alla Nuova Zelanda

In termini di popolazione, non c’è concorrenza tra Brasile e Croazia.

“Il Brasile ha 200 milioni di abitanti e noi solo 4 milioni”, ha detto il Ct della Croazia Zlatko Dalic. “Quindi siamo molto simili a un sobborgo di una grande città del Brasile”.

In effetti, la Croazia è uno dei paesi meno popolosi a qualificarsi per questo Coppa del Mondo.

La sua popolazione è persino inferiore a quella della Nuova Zelanda.

Ma sul fronte del calcio, la Croazia ha superato il proprio peso per anni, dal terzo posto nel 1998 nella sua prima Coppa del Mondo come nazione indipendente, al raggiungimento della finale del 2018 in Russia.

Pertanto, la Croazia ritiene che sabato entrerà nei quarti di finale contro il Brasile, cinque volte campione in carica.

“Non sottovalutare la Croazia. La Croazia è una piccola nazione. Ma siamo coraggiosi, ribelli e leali”, ha detto Dalic. Daremo sempre tutto quello che abbiamo, specialmente questa generazione di giocatori”.

Il portiere Dominik Levakovic Ha parato tre rigori ai calci di rigore croati Batti il ​​Giappone agli ottavi di finale.

Mario Pasalic festeggia con il portiere Dominik Levakovic dopo aver segnato il calcio di rigore finale nella vittoria ai rigori della Croazia sul Giappone.

Franco Agostino/AP

Mario Pasalic festeggia con il portiere Dominik Levakovic dopo aver segnato il calcio di rigore finale nella vittoria ai rigori della Croazia sul Giappone.

Levakovic proviene dalla stessa città, Zara, del 37enne capitano della Croazia Luka Modric. È stato il portiere di riserva di Daniel Subasic nel 2018.

Mario Pasalic, che ha trasformato il rigore decisivo per la Croazia, aveva già fatto lo stesso per il Milan nella vittoria ai rigori sulla Juventus nella Supercoppa Italiana 2016 – disputata sempre in Qatar.

“Ci siamo allenati ai rigori il giorno prima della partita e ho visto Levakovic parare quattro o cinque rigori eccellenti”, ha detto Dalic. “Non penso che sia fortuna. È forza mentale. È carattere. È coraggio.”

Una vittoria ai calci di rigore È arrivato dopo un pareggio per 1-1 dopo i tempi supplementari, con il Giappone che ha aperto le marcature durante il primo tempo.

Anche la Croazia è rimasta indietro in ogni partita degli ottavi di finale nel 2018.

“Mostra la volontà, l’impegno e la fiducia di tutta la squadra”, ha detto Dalic. “Giocare per i club è una cosa: è una questione di contratti, è una questione di prestigio. Ma un’altra è rappresentare il tuo paese, perché questo è patriottismo: è orgoglio, è passione, quindi è diverso.

L’allenatore ha aggiunto: “Sono molto felice e orgoglioso di avere giocatori che interagiscono in questo modo, e può mostrare forza di carattere”.

READ  Gagliardini lancia un forte accenno all'uscita estiva dell'Inter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.