Rio Ferdinand è stato rimproverato dalla Advertising Standards Authority per i post sponsorizzati da PlayStation

L’ex star inglese ed esperto di calcio Rio Ferdinand è stato rimproverato dalla Advertising Standards Authority per non aver rivelato adeguatamente che una serie di post su Twitter realizzati in collaborazione con PlayStation erano pubblicità.

I tweet ora cancellati includevano un video di Ferdinand che discuteva dell’imminente finale di Champions League tra Liverpool e Real Madrid, con il seguente: “Ecco chi penso tornerà a casa”. [trophy emoji] … Termine terminato alla #PlayStationHouse prima della #UCLFinalv… @ PlayStation #PlayStationPartner. ”

Un secondo tweet includeva una serie di foto che mostravano Ferdinand mentre prendeva parte a varie attività alla PlayStation House, che sembra essere un evento sociale pop-up per influencer in vista della finale di Champions League.

Eurogamer Newscast News Contest 2022!

Sony, attraverso la sua agenzia per i media, ha sostenuto che richiedeva al team di Ferdinand di includere “#ad” nei post sull’evento, ma i rappresentanti di Fedrinand hanno affermato che il loro contratto diceva loro solo di digitare “#PlayStationPartner” per indicare che i messaggi erano annunci.

Sony ha anche notato che il video presentava in primo piano uno studio a marchio PlayStation e che il formato di Mr Ferdinand intervistato da un videogiocatore professionista sull’imminente finale di Champions League ha chiarito che non si trattava di contenuti generati in modo indipendente, ma piuttosto di contenuti collaborativi creati. per finalità di marketing…

Ha inoltre evidenziato che il video conteneva i loghi PlayStation e Champions League sullo schermo per tutta la sua durata.

Tuttavia, l’ASA non era convinto. L’uso dell’hashtag “#PlayStationPartner” non è stato sufficiente perché l’ASA non lo ha ritenuto “un chiaro avallo del rapporto d’affari tra Mr. Ferdinand e Sony”.

READ  Kim Kardashian mostra la sua perdita in leggings e un crop top

“[W]Abbiamo concluso che avrebbero dovuto essere chiaramente classificati come pubblicità, e quindi abbiamo concluso che violavano il Codice”.

Pertanto, gli annunci non devono essere più visualizzati e tutti gli annunci futuri devono essere chiaramente contrassegnati, come il tag #ad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.