Notizie F1: il sostegno di Fred Vasseur per trasformare ancora una volta la Ferrari in contendente al titolo


Fassir succederà a Mattia Binotto dopo che quest’ultimo ha annunciato la sua decisione di dimettersi alla fine dell’anno dopo una tumultuosa stagione 2022 che ha visto il designer italiano perdere entrambi i campionati contro la Red Bull.

Data la pressione esercitata sul capo del team Ferrari, la posizione è probabilmente la più difficile da ricoprire per chiunque in Formula 1, ma a Vasseur la Ferrari ha almeno un capitano della squadra esperto con il francese che è stato al comando della Sauber dal 2017 in poi. Ha trascorso una stagione come presidente della Renault.

Prima di entrare in Formula 1, Vasseur ha fondato il team ASM che ha gareggiato nella serie europea di Formula 3 ed è stato lì che ha incontrato Grosjean dal volto fresco.

Grosjean ha vinto il campionato nel 2007 e 15 anni dopo la sua vittoria ha sostenuto il suo ex capo per avere successo alla Ferrari.

“La Ferrari è una grande sfida per chiunque”, ha dichiarato Grosjean al quotidiano italiano La Gazzetta dello Sport.

“Ma sono convinto che Fred sia all’altezza del compito. È un caro amico di Charles Leclerc, il che dovrebbe aiutare l’atmosfera, e conosce bene anche Carlos Sainz.

“La Ferrari aveva un’ottima macchina nel 2022. Sfortunatamente, la guida del team non è stata molto buona.

“Penso che la Ferrari possa avere voce in capitolo nel titolo la prossima stagione”.

Grosjean ha anche descritto Vasseur come un “concorrente nato” e ha detto di non aver mai incontrato un team principal che avesse una sensazione così buona per ciò di cui un pilota aveva bisogno.

READ  Perché il portiere del Southend United Colin Anding Ndee era solito battere le situazioni difficili

“Ho vinto la Formula 3 per un team unico nel 2007”, ha detto Grosjean. “È un concorrente nato che capisce il motorsport fino in fondo.

“Non ho mai incontrato un team manager che abbia così tanta conoscenza tecnica e un ottimo senso di ciò di cui ha bisogno un pilota. A volte era come se fosse lui stesso un pilota”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.