Putin afferma che l’Occidente non può mantenere le forniture di armi all’Ucraina

Vladimir Putin ha affermato che l’Occidente non può mantenere le forniture di armi all’Ucraina.

Secondo gli Stati Uniti Istituto per lo studio della guerra (ISW), il presidente russo sta cercando di creare l’impressione che il sostegno occidentale all’Ucraina sia “inutile”, anche se le sue affermazioni sono false.

L’Occidente ha fornito all’Ucraina miliardi di euro in aiuti militari, inclusi missili a lungo raggio, artiglieria, carri armati e droni, dall’inizio della guerra a febbraio.

Questo sostegno ha avuto un pesante tributo sulle forze russe ed è ampiamente visto come un pilastro fondamentale della resistenza militare dell’Ucraina.

Parlando sabato su un canale di notizie di proprietà statale, Putin ha affermato che la produzione della difesa occidentale non poteva eguagliare la produzione russa, con il presidente russo che ha annunciato che entro la fine del 2023 sarebbero stati costruiti 1.600 nuovi carri armati.

Ha affermato che ciò significava che la Russia aveva più di tre volte il numero di carri armati che aveva l’Ucraina.

Tuttavia, l’ISW ha affermato che ciò non riflette le “realtà attuali” dell’equilibrio del potere economico e della capacità militare-industriale tra la Russia e l’Occidente collettivo.

Ha osservato: “Queste accuse non possono essere comprovate”. “Il PIL degli Stati Uniti da solo è dieci volte più grande della Russia. Germania, Regno Unito e Francia insieme hanno economie cinque volte più grandi della Russia”.

“Il potenziale militare-industriale della Russia è, infatti, irrimediabilmente in inferiorità numerica”.

Durante il suo discorso televisivo, Putin ha affermato che le forze ucraine usano fino a 5.000 proiettili al giorno, mentre gli Stati Uniti ne producono in media 14.000-15.000 al mese.

READ  Salman Rushdie accoltella il sospetto che Hadi Matar "avesse una patente di guida contraffatta in nome del leader di Hezbollah"

Ha affermato che le continue forniture di armi occidentali all’Ucraina sono solo un tentativo di prolungare la guerra, suggerendo che l’Occidente dovrà fare grandi sacrifici per i progetti civili per continuare la produzione di armi.

“Gli Stati Uniti e i loro alleati devono certamente fare delle scelte quando considerano di spendere le ingenti somme necessarie per sostenere l’Ucraina, ma le scelte che devono affrontare non sono così difficili come quelle che devono affrontare la Russia”, ha scritto l’ISW.

“L’equilibrio tra le risorse totali disponibili e la capacità industriale è decisamente orientato verso l’Occidente”, ha aggiunto.

“Il messaggio di Putin mira a persuadere l’Occidente a impegnarsi meno di quel potenziale per sostenere l’Ucraina convincendo l’Occidente, falsamente, che non può eguagliare la Russia”.

A marzo, il Financial Times ha riferito che i produttori di armi europei erano “ostacolati” dalla carenza di esplosivi.

Una guerra estenuante di 13 mesi ha avuto un pesante tributo sia sulla Russia che sull’Ucraina.

Man mano che le sue scorte militari si esauriscono, Mosca si rivolge sempre più a vecchi carri armati e missili dell’era sovietica, che hanno un’efficacia limitata sul campo di battaglia.

Gli Stati Uniti sono il maggior contributore di aiuti militari a Kiev, seguiti dal Regno Unito e dall’Unione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *