Perché la prima donna italiana vuole chiamarsi “Il Presidente”

Alla prima riunione ministeriale di Georgia Meloni, il nuovo presidente del Consiglio si è seduto al centro di una grande tavola rotonda circondato da più di una dozzina di uomini di mezza età. La scena ha catturato completamente la domanda persistente tra molti elettori e commentatori: la prima donna primo ministro del paese ha rotto il soffitto di vetro solo per se stessa?

Il governo Meloni ha la più bassa rappresentanza femminile – sei ministri su 24 – in un decennio di politica italiana. Sebbene la sua elezione sia un risultato importante in un paese dominato dagli uomini, la mancanza di donne nel suo gabinetto, per non parlare della sua cerchia ristretta, potrebbe essere un primo indizio del suo stile di leadership maschile consapevole di sé.

Azura Rinaldi, esperta di economia di genere all’Università La Sapienza, trova preoccupanti questi segnali. “Abbiamo visto donne più conservatrici e di destra raggiungere le posizioni di vertice in Europa perché non mettono in discussione le strutture tradizionali del potere e della società”, afferma.

Questo sentimento si è rafforzato solo quando il nuovo primo ministro, un conservatore intransigente, ha dichiarato di voler essere trattata come “Il Presidente del Consiglio“, con maschile”io“Vs. femminile”No‘, che precede il suo titolo di lavoro. Entrambi gli articoli sono grammaticalmente corretti in questo caso, secondo i linguisti dell’Accademia della Crusca, la secolare istituzione italiana che ha l’ultima parola sulle controversie semantiche. In origine, il suo ufficio è andato oltre inviando un funzionario messaggio ai dipartimenti governativi che il Presidente del Consiglio dovrebbe essere indirizzato come “El Senior Presidente‘, o il signor Presidente, prima di ritirarsi frettolosamente.

READ  Il marchio italiano LOTTO firma accordi con 13 franchisee del Bangladesh

Emiliana de Blasio, professoressa di politica di genere alla Lewis University, sottolinea che Meloni sta cercando di posizionarsi contro un certo tipo di femminismo di sinistra. Il messaggio è: [masculine or feminine] “Non importa, la forza è forza”, dice. “Ma le parole contano perché danno forma alla politica e alle nostre società”.

Diversi media si sono rifiutati di dare seguito alla richiesta di caratterizzazione. “Vorrei informare i telespettatori che continueremo a rivolgerci a Meloni come “Presidente” Perché abbiamo trovato questo tipo di [request to the contrary] “Non aggiornato nel 2022”, ha detto Lily Gruber, una conduttrice televisiva veterana ed ex membro dell’eurodeputato S&D con sede a Bruxelles, nel suo talk show politico.

Alcuni italiani lamentano che il dibattito sulla semantica di genere sia banale in un momento in cui l’Italia è alle prese con l’aumento dell’inflazione e l’aumento dei prezzi dell’energia. Altri credono che usi deliberatamente il dibattito di genere per distogliere l’attenzione dalle difficoltà della politica. Ma Rinaldi avverte che rendere maschile la descrizione del presidente del Consiglio rischia di portare le donne italiane “dieci passi indietro” – e che una visione reazionaria delle donne lavoratrici può avere conseguenze anche economiche.

Secondo la Banca d’Italia, se fosse occupato il 60 per cento delle donne italiane, contro l’attuale 50 per cento, il PIL del Paese crescerebbe di 7 punti percentuali. L’anno scorso, il tasso medio di occupazione femminile nell’Unione europea è stato del 67%. “[Meloni] È l’espressione del partito più conservatore all’interno della coalizione di governo, ispirato ai valori tradizionali, dove le donne sono prima di tutto madri”, afferma Rinaldi.

READ  Patrizia acquista per 140 milioni di euro Selettra, la seconda azienda di illuminazione intelligente in Italia | Notizia

L’ironia è che la vita personale del primo ministro racconta una storia molto diversa. Nella sua autobiografia Sono Georgia, descrive come sua madre ha svolto una serie di lavori diversi per sostenere le sue due figlie dopo la morte del padre. Il compagno di Meloni, il giornalista di Mediaset Andrea Giamprono, ha recentemente dato uno sguardo alla loro vita familiare al Colloquio: “Lavoro su turni notturni e questo mi permette di fare consegne e ritiri da scuola.”

De Blasio e Rinaldi concordano sul fatto che mentre la vita familiare di Meloni è eccezionalmente progressista per gli standard italiani, la sua narrativa politica sembra essere l’opposto.

“Le donne di destra tendono a concentrarsi su se stesse, al contrario del gruppo tipico della sinistra, e di solito si fanno vedere nei momenti di crisi”, dice de Blasio. Meloni è ancora in luna di miele con gli italiani e spera di prolungarla il più possibile, con l’avvicinarsi della crisi economica. Il messaggio “culturale” che la aiuterà, aggiunge, “inizia con il cambiare il modo di comunicare”.

silvia.borrelli@ft.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.