Parola! Wardel collabora per donare i proventi della crescente popolarità di un’app non correlata

Parola È un gioco per browser gratuito e un gioco solo per browser: non ha app complementari, cosa che alcune persone (incluso me sfortunatamente) potrebbero non rendersi conto in un periodo in cui quasi tutto ha un’app.

Questo lascia molto spazio per forgiato Parola App da riempire negli app store cercando di sbarazzarsi di L’improvviso aumento di popolarità del gioco di puzzle. Ma c’è un’app chiamata per caso Parola! Questo non è un clone: ​​in realtà esisteva prima del browser game stesso. Questo è il motivo per cui il suo sviluppatore collabora con la mente basata su browser Parola, Josh Wardle, per usare il suo successo di spin-off come un’opportunità per restituire, secondo un rapporto di Punto di gioco.

La storia è scoppiata Discussione su Twitter, con Parola! Lo sviluppatore di app Stephen Kravota descrive in dettaglio come il suo progetto di codifica sia esploso cinque anni dopo la sua creazione, seguendo inconsapevolmente Parolail cappotto. Ha sviluppato un’app iOS chiamata Parola! Nel 2017 per affinare le sue capacità di programmazione e, sebbene abbia ottenuto circa 100.000 download, non ha avuto lo stesso successo di un gioco precedente, lo ha chiamato ReteCosì Cravotta ha deciso di smettere di aggiornare e promuovere l’app.

Kravota dice download per Parola! Rallentato a circa uno o due al giorno, ma quando basato su browser Parola Iniziò a decollare e ad applicarlo. L’app ha raggiunto 200.000 download in una settimana, anche se da utenti confusi che pensavano erroneamente che fosse basata su browser Parola. Kravota è arrivato Parola Lo sviluppatore dell’app, Josh Wardle, gli ha detto dei suoi piani per donare i proventi della sua app in beneficenza: Wardle ha inviato il suo tweet riconoscendo il gesto.

READ  Sony fornisce dettagli sui requisiti di sistema di God of War per PC e miglioramenti specifici della piattaforma • Eurogamer.net

Kravotta in seguito confermò che Wardle aveva deciso di donare tutti i soldi che aveva vinto Parola! A BoostOakland, un’organizzazione di beneficenza orientata all’istruzione e alla guida dei giovani a Oakland, in California. quando il bordo Ha chiamato Cravotta e ci ha detto che finora ha raccolto poco più di $ 2.000 e che donerà l’importo totale guadagnato alla fine di questo mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.