Papa onora le radici della famiglia nel nord Italia con una visita rara

Papa Francesco ha onorato le sue radici nel nord Italia celebrando domenica una messa speciale nella città natale di suo padre, incoraggiando le giovani generazioni a non essere indifferenti alla povertà e alla miseria che le circonda.

Migliaia di persone hanno salutato Francesco durante la sua rara visita privata nel fine settimana nella provincia di Asti, vicino a Torino, e lui ha ricambiato il favore facendo un lungo giro in papamobile per la città.

Sabato ha visitato personalmente i parenti che vivono ancora nella zona per festeggiare i 90 anni del cugino di secondo grado. Domenica gli è stata conferita la cittadinanza onoraria di Asti e la messa è stata celebrata nel duomo della città, dove era il parroco locale che si prendeva cura del suo gregge.

“Da queste terre, mio ​​padre partì immigrato in Argentina, in queste terre preziose per i ricchi frutti della terra, soprattutto per il lavoro indigeno della loro gente, ora torno per riscoprire e assaporare le mie radici. ”, ha detto all’inizio del suo intervento.

Il vescovo di Asti Marco Prastaro ha detto a Francesco che torna sempre a casa, e quando è stato eletto papa nel 2013, Francesco ha scherzato sul fatto che i suoi colleghi cardinali fossero andati fino ai “confini della terra” per trovare un nuovo papa.

“Oggi ci piace pensare che Asti, la terra delle radici della tua famiglia, sia l’inizio del mondo”, ha detto Prastaro mentre il papa rideva.

READ  La gioia della musica italiana alla Chiesa della Santissima Trinità a Ribbon

Da quando ha assunto il pontificato quasi 10 anni fa, Francesco non è tornato nella sua casa natale di Buenos Aires, e raramente parla della sua famiglia, dei suoi fratelli o della sua infanzia. L’eccezione è sua nonna paterna, Rosa, che spesso cita come un ruolo chiave nella sua educazione e nella trasmissione della sua fede cattolica.

Francesco ha usato un po’ del dialetto piemontese insegnato da Rosa per ringraziare gli astigiani per l’accoglienza. Raggiungi l’alto, esci dalla nostra stessa paura per prendere per mano qualcuno che ha bisogno.

La nonna di Francesco, Rosa Vassallo, e il nonno del papa gestivano un caffè a Torino e lasciarono l’Italia con i membri della famiglia che si stabilirono in Argentina come parte della migrazione di massa degli italiani negli Stati Uniti all’inizio del secolo scorso. Insieme al loro unico figlio, Mario José Francisco Bergoglio, padre del Papa, arrivarono a Buenos Aires all’inizio del 1929.

Una volta lì, Mario Bergoglio conobbe Regina Maria Chivori, un’altra discendente di ceppi immigrati italiani, che sposò nel 1935. Un anno dopo nasce il primo dei loro cinque figli: Jorge Mario Bergoglio, il futuro Papa.

La famiglia Bergoglio aveva originariamente programmato di salpare dall’Italia alla fine del 1927 sul transatlantico Principessa Mafalda, ma la loro partenza fu ritardata poiché vendettero la loro casa e il caffè di Torino. Alla fine, la Mafalda affondò al largo di Bahia, in Brasile, il 25 ottobre 1927, uccidendo almeno 300 degli oltre 1.000 passeggeri e membri dell’equipaggio. Bergoglios viaggiò a bordo della nave Giulio Cesare l’anno successivo, e il futuro papa scrisse nel 1990 che era sempre “grato alla Divina Provvidenza” che non fossero salpati da Mafalda.

READ  Passa il pasticcio, ma questo fa scattare una tesa crisi Renzi nella congregazione - Corriere.it

Secondo la leggenda di famiglia, anche se era piena estate nell’emisfero australe, Patti Rosa arrivò indossando un lungo cappotto bordato di volpe da Giulio Cesare a Buenos Aires. Nella sua biografia del papato, “Papa Francesco: sciogliere i nodi”, lo storico Paul Vallely ha spiegato: “L’intero ricavato della vendita della casa e del caffè della famiglia in Piemonte è stato ricucito nel suo rivestimento”.

___

Winfield segnalato da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.