Moment Six, la polizia antisommossa inchioda a terra un manifestante anti-G7 dopo che è scoppiata una colluttazione durante una manifestazione all’estrema sinistra

  • I manifestanti sono inchiodati a terra fuori dal vertice del G7 a Hiroshima, in Giappone
  • Gli attivisti hanno accusato i sette paesi più ricchi del mondo di intensificare la guerra in Ucraina



Questo è il momento in cui i disordini hanno dirottato il vertice dei leader mondiali del G7 nella città ospitante di Hiroshima, in Giappone, con la polizia che ha fatto a pezzi un gruppo di manifestanti.

Il filmato girato ieri mostra agenti che afferrano attivisti, agitano e appendono cartelli.

Le scene caotiche hanno avuto luogo dopo che è scoppiata una rissa tra i manifestanti, ha riferito la BBC.

L’emittente giapponese NHK ha riferito che i manifestanti hanno accusato i paesi del G7 – Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia e Giappone – di aver intensificato la guerra in Ucraina.

Nella clip di un minuto, si possono sentire grida diffuse mentre una folla di poliziotti antisommossa è alle prese con un manifestante che si scaglia con rabbia contro di loro.

Un piccolo gruppo di manifestanti anti-G7 si è scontrato con la polizia in un quartiere commerciale di Hiroshima
Un giovane è inchiodato a terra mentre protesta davanti al vertice del G7 a Hiroshima, in Giappone, ieri

Il gruppo pende da un lato, dove alla fine sono attaccati due manifestanti.

Uno della coppia, un giovane, è stato filmato mentre parlava con rabbia alla telecamera dopo il suo rilascio.

I leader delle democrazie più ricche del mondo hanno affermato che non si ritireranno dal sostegno dell’Ucraina, in un monito al presidente russo Vladimir Putin mentre afferma di aver conquistato la città orientale di Bakhmut, cosa che Kiev ha negato.

Il vertice di ieri è stato tragico con l’arrivo del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha volato su un aereo del governo francese per cercare maggiore sostegno contro l’invasione russa.

Zelensky, che in precedenza ha deposto fiori al memoriale delle vittime del primo bombardamento atomico di una città al mondo, ha detto che le immagini della distruzione di Hiroshima durante la seconda guerra mondiale gli hanno ricordato Bakhmut e altre città ucraine distrutte.

READ  Mondiali 2022: i tifosi non potranno acquistare alcolici negli stadi durante il torneo del Qatar | notizie di calcio

Ha aggiunto in una conferenza stampa che ci sono ancora soldati a Bakhmut e che la Russia non ha preso il controllo della città.

In precedenza, aveva detto ai giornalisti a margine del vertice che la città orientale colpita, epicentro dei combattimenti negli ultimi mesi, era stata distrutta.

“È una tragedia”, ha detto Zelensky. “Non c’è niente in questo posto” – ciò che resta sono “molti russi morti”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (a sinistra) e il presidente Joe Biden partecipano a un incontro bilaterale durante il vertice del G7.
Il presidente Joe Biden abbraccia il presidente ucraino Volodymyr Zelensky

Durante l’ultimo giorno del vertice di tre giorni del G7, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato un pacchetto di aiuti militari da 375 milioni di dollari, tra cui artiglieria e veicoli blindati, per l’Ucraina.

Ha detto a Zelensky che gli Stati Uniti stanno facendo tutto il possibile per rafforzare la difesa dell’Ucraina contro la Russia.

“Insieme al nostro G7 è apparsa l’Ucraina e vi prometto che non andremo da nessuna parte”, ha detto Biden.

Putin ha salutato quella che ha descritto come una vittoria per le sue forze, definendola la “liberazione” di Bakhmut in una dichiarazione sul sito web del Cremlino.

L’assalto alla città in gran parte distrutta è stato guidato dalle forze del gruppo mercenario Wagner, e il suo leader Yevgeny Prigozhin ha detto che le sue forze hanno finalmente cacciato gli ucraini dall’ultima area popolata all’interno della città.

Altri leader del G7 – Stati Uniti, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Canada – hanno fatto eco ai sentimenti di Biden.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha promesso che il suo paese sosterrà l’Ucraina il più a lungo possibile e per tutto il tempo necessario.

Biden ha detto ai leader del G7 che Washington sostiene programmi di addestramento alleato congiunti per i piloti ucraini sui caccia F-16, sebbene Kiev non abbia ottenuto impegni per la consegna dei caccia.

READ  L’Islanda dichiara lo stato di emergenza a causa dell’escalation dei terremoti e dei timori di un’eruzione vulcanica
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incontrato il primo ministro indiano Narendra Modi

Il primo ministro britannico Rishi Sunak (a sinistra) e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si incontrano al G7
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky abbraccia il primo ministro italiano Giorgia Meloni al G7
Il presidente Zelensky ha incontrato domenica il primo ministro canadese Justin Trudeau

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che la prospettiva di tale addestramento con gli F-16 fabbricati negli Stati Uniti era un messaggio alla Russia che non dovrebbe aspettarsi il successo della sua invasione prolungando il conflitto.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha dichiarato che l’addestramento inizierà quest’estate e che l’Ucraina otterrà la potenza aerea di cui ha bisogno in futuro.

Il primo ministro giapponese, Fumio Kishida, ha affermato che è “importante” che i paesi del G7 mostrino solidarietà nella loro intenzione di sostenere la legge e l’ordine internazionale durante un vertice a cui Zelensky ha partecipato come ospite.

Schulz ha affermato che mentre la priorità immediata era sostenere la difesa dell’Ucraina, le garanzie di sicurezza per l’Ucraina dovevano essere messe in atto una volta terminata la guerra.

Sia Scholz che il presidente francese Emmanuel Macron sembravano schierarsi con l’Ucraina nell’opporsi a qualsiasi idea che la guerra diventasse un “conflitto congelato”, o qualsiasi proposta di colloqui di pace senza il ritiro delle forze russe.

Con l’invasione di Mosca di 15 mesi che si trascina, molti analisti e diplomatici hanno lanciato l’idea che potrebbe congelarsi come un conflitto nella penisola coreana. La Corea del Nord e la Corea del Sud sono ancora tecnicamente in guerra poiché il conflitto tra il 1950 e il 1953 si concluse con un cessate il fuoco.

La pace non dovrebbe trasformare l’Ucraina in un conflitto congelato perché ciò porterebbe alla guerra in futuro. “Deve risolvere il problema”, ha detto Macron.

Il vertice di Hiroshima ha anche dato a Zelensky l’opportunità di fare pressioni per il sostegno di altri partecipanti, come il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, che sono rimasti senza impegno.

READ  Biden è sotto pressione affinché licenzi il segretario alla Difesa che lo ha tenuto all'oscuro della degenza in ospedale

Mentre la determinazione ad aiutare l’Ucraina a respingere l’invasione russa era un messaggio chiave del vertice del G7, l’altro era la mancanza di fiducia nella Cina come partner commerciale.

Un funzionario statunitense ha detto che Biden ha incontrato domenica i leader di Giappone e Corea del Sud per discutere dell’interoperabilità militare e della coercizione economica che devono affrontare dalla Cina.

Il giorno prima, i leader del G7 hanno delineato un approccio comune alla Cina, cercando di “ridurre i rischi, non disaccoppiare” l’impegno economico con un paese visto come la fabbrica del mondo.

In una dichiarazione, il Gruppo dei Sette ha sottolineato l’importanza della pace e della stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan, poiché le esercitazioni militari cinesi hanno sollevato preoccupazioni sulla sicurezza di Taiwan, l’isola democratica autonoma che la Cina considera parte del suo territorio.

Il ministero degli Esteri cinese ha presentato una denuncia al Giappone esprimendo la sua forte opposizione alla dichiarazione del G7, affermando che ignora le preoccupazioni della Cina, la attacca e interferisce nei suoi affari interni, compresa Taiwan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *