Mangiapane sta preparando una nuova iniziativa per i giovani di Calgary

Immagine in primo piano: X/ @FlamesFdn


L’attaccante dei Calgary Flames Andrew Mangiapane e la sua fidanzata Claudia Tersigny hanno già avuto la loro giusta dose di nervi legati all’hockey.

Ma è il momento di conoscere i ragazzi che trarranno beneficio dai grissini di Mang Un programma comunitario ideato da Mangiapane e Tersiny per i giovani a rischio Era diverso.

“Ricordo di aver pensato: ‘Spero che questo funzioni per i ragazzi come vogliamo’”, ha detto Mangiapane. “Ero nervoso. “Onestamente non sapevo cosa aspettarmi.”

Tersigny provò la stessa sensazione di disagio mentre guidava verso il centro giovanile.

“Ci sono momenti in cui ti innervosisci, forse quando non te lo aspetti. Mi ha ricordato la sensazione che provavo quando ero più giovane e provavo un nuovo sport. Ti rende un po’ insicuro di come andranno le cose andare.”

Come si è scoperto, ogni preoccupazione su come sarebbero stati accolti è completamente evaporata nel momento in cui la coppia ha varcato la porta principale della stanza. Centri giovanili a Calgary (YCC) a Ogden.

Mange’s Breadsticks, finanziato da Mangiapane e Tersigni e finanziato al 100% dalla Flames Foundation e dalla Calgary Open Society, si svolgerà due giorni alla settimana da ottobre a marzo dopo la scuola e offrirà ai giovani del centro l’opportunità di imparare e trarre vantaggio dai fondamenti dell’hockey.

Il denaro andrà ai Centri giovanili di Calgary a Ogden, che gestiranno il programma e forniranno snack e pasti caldi ai partecipanti.

È stato un momento fantastico. “I bambini erano così felici ed entusiasti di parlare con noi, il che è stato fantastico”, ha detto Mangiapane, che ha anche fornito l’attrezzatura ai bambini attraverso una donazione della Calgary Sports Bank.

READ  Il West Ham estende la sua striscia senza vittorie in Premier League a sei partite mentre Rodrygo regala al Leeds un pareggio a Elland Road

“Non è stata una giornata perfetta. Faceva molto freddo. Mi si congelavano le mani mentre giocavamo a hockey, ma ai bambini non importava affatto. Nemmeno a me. Mi hanno fatto sorridere.”

“Lo sguardo sui volti dei bambini per tutto il tempo che siamo stati lì, sia che si trattasse della partita di hockey, di giocare a air hockey con loro, del cibo straordinario che la Società Italiana ha preparato per tutti, o di vedere i bambini uscire insieme “Tutto era perfetto”, ha continuato. “non vediamo l’ora di tornare di nuovo.”

Mangiapane, scelta al sesto round dei Flames nel 2015, è entusiasta di vedere il programma prendere vita.

“Volevamo fare qualcosa del genere da un po’. Calgary è la nostra casa da sette anni e, col tempo, ho visto come si sono comportati i giocatori della nostra squadra, i giocatori che ammiro”, ha detto Mangiapane, che ha recentemente giocato la sua 350esima partita in NHL: “Bellissimo per la comunità”.

“Ho sempre desiderato fare qualcosa, ma volevo assicurarmi che fosse la cosa giusta al momento giusto. Fare un programma di hockey su palla e qualcosa per i bambini, insegnando loro l’hockey, è stato qualcosa a cui finalmente siamo riusciti. Abbiamo avuto un tanto aiuto dalla Flames Foundation “E dal Calgary Italian Open e dal mio agente. È bello vederlo finalmente accadere.”

La coppia ha discusso per la prima volta dell’idea di creare un programma qualche anno fa.

“È stato durante la crisi del coronavirus che Andrew e io abbiamo iniziato a parlarne”, ha detto Tersiny. “Siamo passati da questo al dialogo con la Flames Foundation, l’agente di Andrew e altri. Quindi, è molto emozionante vedere tutto questo diventare realtà.”

READ  Nikola Miktyk e Matti Pavi vincono il sesto titolo congiunto!

Un’organizzazione no-profit registrata che opera dopo la scuola e durante i mesi estivi per i bambini a rischio nella comunità di Ogden, i Centri giovanili di Calgary fungono da luogo sicuro in cui i bambini possono procurarsi cibo e connettersi con le persone premurose nella comunità. Come Mangiapane e Tersiny.

Sebbene Mangiapane sia il volto dell’iniziativa, Tersiny ha avuto un assaggio di cosa significa essere un giocatore professionista di hockey a Calgary durante la loro visita.

“Ero abbastanza fiducioso che sarei entrato e i ragazzi avrebbero detto: ‘Chi è quella persona?’ Mi stavo chiedendo come mi presenterei. Entro 15 minuti dall’incontro con loro, mi hanno chiesto il mio autografo. Ho pensato: cosa sta succedendo?

“Erano così entusiasti di parlare con Andrew e di conoscerlo. E non si trattava solo di hockey. È stato bello vederli interagire tra loro e con Andrew, vedere le loro personalità emergere e vedere il loro entusiasmo”.

Ora che il programma sta dando i suoi frutti, vedere i primi effetti che ha avuto dà a Mangiapane, Tersiny e ai bambini che ne fanno parte motivo di essere ottimisti riguardo al suo futuro.

“È stato bello vedere i ragazzi, alcuni dei quali potrebbero non essere in grado di giocare, avere questa opportunità”, ha detto Mangiapane. “Giocavo a hockey con i miei amici quando ero piccolo, ed era qualcosa che ricorderò per sempre. Puoi vedere lo stesso tipo di felicità nei bambini del centro. Chi conosci? Forse si innamoreranno con il gioco e seguire il loro sogno come ho fatto io.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *