L’Ucraina prevede di attrarre 200 milioni di euro di prestiti dall’Italia e 150 milioni di euro da Girma

Il ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco ha confermato l’intenzione del governo italiano di concedere all’Ucraina un prestito di 200 milioni di euro, ha affermato il ministro delle Finanze ucraino Serhiy Marchenko in un’intervista al Corriere della Sera italiano dopo i recenti colloqui a Washington in occasione degli incontri di primavera. Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

Marchenko ha dichiarato: “Stiamo trattando fondi a condizioni agevolate: 1% annuo, con scadenza a 15 anni. Secondo me, anche altri Paesi possono offrirci prestiti a condizioni agevolate. Tali finanziamenti ci aiuteranno sicuramente”. .

Ha anche ringraziato l’Italia, che è stato il primo Paese a dare all’Ucraina 110 milioni di euro in sovvenzione all’inizio della guerra della Russia.

Il ministro delle finanze ucraino ha affermato che è iniziata di recente la preparazione di un accordo sul prossimo prestito di 150 milioni di euro dalla Germania, che contribuirà a sostenere la stabilità finanziaria complessiva dell’Ucraina.

Secondo lui, solo la scorsa settimana la Germania ha fornito un prestito di 150 milioni di euro per sostenere le piccole e medie imprese, e un accordo è stato raggiunto a marzo 2020.

“Il ministro Christian Lindner ha anche indicato che stanno valutando la possibilità di fornirci un miliardo di euro in supporto militare, ma ci aspettiamo dalla Germania un sostegno finanziario non inferiore a quello che ci hanno dato Regno Unito, Canada o Stati Uniti”, ha detto Marchenko . .

Secondo lui, Kiev ha grandi speranze di finanziamento da un conto gestito dal Fondo monetario internazionale. “Incoraggiamo i paesi partner a prendere in considerazione la riallocazione del 10% dei diritti speciali di prelievo (DSP) ricevuti dall’FMI nell’agosto 2021 e non ancora utilizzati. Ci rivolgiamo principalmente ai paesi dell’UE. Tuttavia, è necessario concordare regole specifiche con l’UE. “L’Unione e la Banca centrale europea” ha spiegato il ministro delle Finanze.

READ  IE Business School è in cima alla classifica QS Online MBA

Secondo lui, i paesi dell’Unione Europea prenderanno in considerazione questo problema, poiché potrebbero esserci alcune restrizioni sull’uso dei DSP da parte della Banca centrale europea.

“Ma credo che i paesi cercheranno di trovare una soluzione legale con la Banca centrale europea per mettere i DSP a disposizione dell’Ucraina. Il FMI sta anche lavorando con altri paesi per vedere come possono essere utilizzati i DSP stanziati per sostenere l’Ucraina”, il ministro disse. .

Come riportato, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, nel suo discorso agli incontri di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, ha indicato che il paese aveva bisogno di un sostegno fino a $ 7 miliardi al mese e il primo ministro Denis Shmyhal ha indicato che fino a $ 5 servivano miliardi. al mese per coprire il disavanzo di bilancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.