L'italiano Paulini affronta Svidek nella finale dell'Open di Francia

Jasmine Piolini affronterà Ika Svidek nella finale degli Open di Francia dopo che la dodicesima testa di serie dell'Italia ha superato la 17enne russa Mirra Andreeva 6-3, 6-1 nelle semifinali di giovedì.

A 28 anni Piolini ha raggiunto la sua prima finale Slam. Non era mai andato oltre il secondo turno di un torneo importante prima dell'inizio di quest'anno.

Il numero 15 del mondo aveva vinto un totale di quattro tornei del Grande Slam prima di raggiungere il quarto turno agli Australian Open di gennaio.

Ora è a una vittoria da un titolo sfuggente al Roland Garros mentre cerca di emulare la connazionale Francesca Schiavone, che ha vinto gli Open di Francia del 2010. Paulini entrerà sicuramente nella top 10 per la prima volta.

“Ho imparato un po' più tardi rispetto agli altri giocatori che sognare è la cosa più importante nello sport e nella vita”, ha detto Paulini.

Pubblicità: scorri verso il basso per continuare


“Sono felice di aver sognato questo momento, non so cosa dire, sono così emozionato.”

Andreeva, la più giovane semifinalista del Grande Slam in 27 anni, ha ottenuto una vittoria shock contro Arina Sabalenka, seconda testa di serie, nei quarti.

Ma il suo tentativo di essere incoronata la più giovane campionessa major dai tempi di Martina Hingis agli US Open del 1997 è stato interrotto perché Andreeva non è stata in grado di riprodurre il livello che l'ha vista sconfiggere la malata Sabalenka.

Pubblicità – Scorri per continuare


Paulini ha colto l'unico break di un set di apertura serrato nel quarto game, salvando cinque occasioni di break nei successivi due game di servizio per tenere Andreeva a debita distanza.

READ  Icona dello schermo italiano dei classici degli anni '60 era 90 - Scadenza

Gli errori continuano ad accumularsi per la Andreeva e quando il secondo set finisce sull'1-1, Paulini sfrutta al massimo la sua occasione prima di avanzare verso il traguardo per la seconda volta.

Mentre Andreeva sembrava sempre più depressa e cercava di trattenere le lacrime, Paolini ha usato un colpo di stato con un'ultima pausa per completare una vittoria straordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *