L'Italia si è aggiunta alla lista dei sostenitori della risoluzione su Srebrenica

L’Italia è un altro Paese che si è aggiunto alla lista dei sostenitori del progetto di risoluzione sul genocidio di Srebrenica, all’ordine del giorno dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 2 maggio.

Nel suo annuncio al X, il Centro Memoriale di Srebrenica ha brevemente ringraziato l'Italia per l'occasione.

“L’Italia co-sponsorizzerà la risoluzione su Srebrenica. Grazie”, ha detto il centro.

Nei social network del Memorial Center nei giorni scorsi l'organizzazione ha confermato e ringraziato Ruanda, Germania, Nuova Zelanda, Cile, Francia, Liechtenstein e Slovenia, Stati Uniti e ora l'Italia per il loro sostegno alla risoluzione. Iscritto a questa lista.

Il 2 maggio l'ONU L'Assemblea Generale discuterà anche una risoluzione su Srebrenica, una questione che ha già suscitato molte reazioni nella regione.
Anche se la maggior parte dei politici della Bosnia-Erzegovina hanno accolto favorevolmente tale mossa, c'è stata molta condanna da parte della Serbia e della RS, e si è detto che la risoluzione mirava in realtà a stigmatizzare l'intero popolo serbo.

Il progetto di risoluzione su Srebrenica non menziona da nessuna parte la Republika Srpska o la Serbia nel preambolo, da qui le dichiarazioni di tutti i funzionari della Bosnia-Erzegovina. Le aziende e i vicini cadono in acqua in un certo modo.

La sentenza della Corte internazionale di giustizia dell'Aja, secondo cui nel 1995 a Srebrenica fu commesso un genocidio contro i bosniaci, era stata sottolineata e attesa.

La proposta di risoluzione è arrivata a 193 indirizzi degli stati membri delle Nazioni Unite a nome di 17 paesi.

READ  Responsabile Sviluppo Partnership Istituzionali - Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *