L’Italia lancia il visto nomade digitale per i lavoratori a distanza

L’Italia ha introdotto un nuovo visto per i nomadi digitali, consentendo ai lavoratori a distanza extra-UE di vivere e lavorare nel Paese. I candidati devono…
Per saperne di più
Nuova Delhi: l’Italia ha introdotto un nuovo visto per i nomadi digitali per consentire ai lavoratori a distanza di lavorare e viaggiare nel Paese. In vigore dal 4 aprile, il visto consente ai titolari di passaporto extra-UE di soggiornare e lavorare in Italia per periodi di tempo più lunghi.

I richiedenti il ​​visto devono essere telelavoratori “altamente qualificati”, definiti come coloro che possono lavorare da remoto utilizzando strumenti tecnologici avanzati. I candidati devono guadagnare uno stipendio annuo minimo di € 28.000, avere una laurea o una licenza professionale e dimostrare sei mesi di esperienza lavorativa.

Inoltre, dovranno esibire la prova di residenza in Italia e l'assicurazione sanitaria. Anche i familiari possono presentare domanda previa approvazione delle autorità locali. Questo permesso ha validità di un anno ed è rinnovabile annualmente, soprattutto per coloro che possono lavorare a distanza dall'Italia.

La decisione finale sui permessi familiari spetta alla questura italiana. La mossa dell'Italia per introdurre questo visto è finalizzata ad attrarre lavoratori stranieri ad alto reddito. Ad esempio, il Giappone offre visti ai nomadi digitali che guadagnano più di 63.000 dollari all’anno. L’obiettivo è aumentare lo sviluppo economico attirando professionisti qualificati a lavorare e vivere in questi paesi.
Al TOI World Desk, il nostro team dedicato di giornalisti esperti e… Per saperne di più

Conclusione dell'articolo

READ  La controllata Lukoil completa la vendita della raffineria di petrolio ISAB in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *