L’inflazione tedesca è ai livelli più bassi dal 2021 mentre l’economia è in difficoltà

(Bloomberg) – L’inflazione tedesca è rallentata significativamente – e più del previsto – nel mese di ottobre mentre la più grande economia europea fatica a crescere.

I più letti da Bloomberg

Lunedì l’ufficio statistico ha dichiarato che la pressione sui prezzi al 3% è stata la più debole da giugno 2021. Gli economisti si aspettavano una moderazione al 3,3%. Questa constatazione supporta la tesi della Banca Centrale Europea secondo cui un’ondata senza precedenti di aumenti dei tassi di interesse sta cominciando a farsi sentire.

Un forte calo è previsto anche in Italia e, in misura minore, in Francia e nei 20 paesi della zona euro, con i dati previsti martedì. Lunedì scorso i dati spagnoli hanno mostrato un leggero aumento a causa dei costi dell’elettricità.

Bloomberg Economics prevede ora un ulteriore rallentamento dell’inflazione al 2,8% a novembre.

“L’economia della zona euro rimane debole”, ha detto lunedì il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos in un discorso a Madrid. “Gli indicatori recenti indicano una continua debolezza nel breve termine”.

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha citato le aspettative per un ulteriore allentamento dell’inflazione come uno dei motivi per cui i politici hanno sospeso l’aumento dei tassi di interesse la scorsa settimana dopo 10 mosse consecutive. Questi aumenti vengono trasferiti “aggressivamente” alle condizioni di finanziamento, allentando la domanda e aiutando i funzionari a tornare al loro obiettivo del 2%, ha affermato.

Cosa dice Bloomberg Economics…

“La parte del leone in questo calo può essere attribuita ai costi energetici, ma anche i contributi delle categorie principali sono leggermente diminuiti. Ciò conferma la nostra valutazione secondo cui il calo dell’inflazione nell’area euro non darà alla BCE motivi sufficienti per aumentare nuovamente i tassi di interesse nel prossimo futuro.” .”

READ  Il governo Imo chiede investimenti nell'economia digitale

—Martin Admir, economista. Clicca qui per la risposta completa

L’economia tedesca sta già sperimentando alcuni di questi effetti. La produzione nel terzo trimestre si è contratta dello 0,1%, meno del previsto, principalmente a causa del calo della spesa delle famiglie.

Nel frattempo, gli investimenti in attrezzature sono aumentati, tanto che Paolo Grignani, economista di Oxford Economics, sospetta che dietro tutto ciò “potrebbero esserci le spese militari”.

La maggior parte delle aziende fatica a riprendersi dalla crisi indotta dall’energia dello scorso inverno, a causa degli elevati costi di finanziamento e della debole domanda di esportazioni. Il colosso chimico Lanxess AG ha annunciato che taglierà il 7% della sua forza lavoro questo mese, mentre Volkswagen AG ha affermato che raddoppierà i suoi risparmi per aumentare la redditività.

La Banca Centrale tedesca aveva indicato la contrazione del terzo trimestre nel suo ultimo rapporto mensile. Ha inoltre affermato di aspettarsi un ulteriore rallentamento dell’inflazione complessiva nei prossimi mesi, anche se il tasso core che esclude energia e cibo potrebbe rimanere al di sopra del 4% nel prossimo futuro a causa delle pressioni nel settore dei servizi.

-Con l’assistenza di Barbara Sladkowska e Joel Renneby.

(Aggiornamenti con Bloomberg Economics Nowcast nel quarto paragrafo.)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2023 Bloomberg L.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *