L’attore Song Joong-ki torna sul piccolo schermo nei panni di un mafioso italiano coreano in “Vincenzo”

SEOUL, 15 feb. (Yonhap) – L’attore sudcoreano Song Joong Ki tornerà sul piccolo schermo nei panni di un avvocato coreano per la mafia italiana nella prossima commedia nera “Vincenzo”.

Il nuovo spettacolo, in anteprima questo fine settimana su tvN, parla di Vincenzo Cassano (Song), cittadino italo-coreano che lavora con la mafia come consulente. Ritorna nel suo paese d’origine, viene coinvolto in alcuni scandali di corruzione e combatte le forze sociali sul suo cammino.

È una delle serie TV più attese questa primavera per il cast di star tra cui Song, Jeon Yeo-been e Ok Taecyeon, che è anche un rapper con il gruppo di ragazzi di 2 PM.

Song, che ha scelto “Vincezo” come progetto di ritorno dalla sua ultima apparizione nel film “Arthdal ​​Chronicles” (2019), si è detto felicissimo e soddisfatto quando ha letto per la prima volta la sceneggiatura sui cattivi che sconfiggono i grandi cattivi che corrompono la società .

“Quando ho letto una breve sinossi di Vincezo, ho simpatizzato con il punto di vista acclamato dalla critica dello sceneggiatore”, ha detto lunedì in una conferenza stampa online. “È stato interessante e nuovo per i potenti perdere contro i forti che non sono sempre bravi”.

“Vincenzo” è scritto dallo sceneggiatore Park Jay Bum, noto per le sue commedie nere come The Fiery Priest (2019), che si fa beffe della corruzione e del clientelismo radicati tra politici e uomini d’affari.

“So di avere così tante personalità diverse che i fan non possono vedere”, ha detto. “Stavo cercando di trovare le mie tendenze sinistre, intense o acute, e presentare quelle parti attraverso Vincenzo.”

Nel frattempo, Song deve ritrarre l’uomo in piedi al confine come un italo-coreano che si sente solo e isolato in Corea, che ha lasciato decenni fa.

“Ha vissuto in Italia la maggior parte della sua vita. Ma è straniero nel suo paese d’origine”, ha detto. “È patetico e commovente, ma siamo contenti delle sue azioni eroiche”.

La regista Kim Hee-won, che ha creato le storie d’amore storiche “The Crowned Clown” (2019) e “Money Flower” (2017), ha detto di aver scelto Song per il ruolo principale a causa delle molteplici caratteristiche dell’attore che ha caratterizzato nel suo film. Titoli precedenti.

“Adoro Song in The Innocent Man (2012). Il suo viso rappresenta l’oscurità, la solitudine e l’innocenza. Questo si adatta perfettamente a Vincenzo”, ha detto. “Ed è bravo nella commedia, che è anche una parte importante di questo progetto”.

Ha detto che si concentra sul bilanciare l’oscurità della storia con la leggerezza dell’umorismo al fine di trasmettere messaggi critici contro la corruzione o i rapporti di fondo tra autorità e aziende in modo sarcastico.

“I nostri eroi non sono buoni e gentili. La loro volontà è più malvagia che cattiva”, ha detto. “È una storia molto piccante ma piuttosto divertente. È molto difficile da mettere insieme.”

“Vincenzo” sarà presentato in anteprima su tvN sabato prossimo e sarà disponibile anche su Netflix contemporaneamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.