L’ambasciata della tenda indigena condanna i manifestanti che hanno dato fuoco al vecchio edificio del parlamento | Canberra

L’Ambasciata della tenda del popolo indigeno ha condannato le azioni dei manifestanti che hanno portato a un incendio doloso che ha incendiato le porte dell’Old Parliament Building a Canberra.

I manifestanti sono rimasti fuori dal vecchio edificio del parlamento per più di una settimana e giovedì hanno iniziato una tradizionale cerimonia del fumo.

Il capo della polizia di ACT Linda Champion ha affermato che i funzionari hanno approvato la piccola festa del fumo come parte della protesta pacifica, ma che era “un po’ fuori controllo”.

“Quando la polizia di ACT è andata a rispondere, è stato quando è stata drammaticamente intensificata”, ha detto.

Se ci sono manifestazioni pacifiche, le sosteniamo pienamente. In caso di attività criminali, agiremo”.

Al-Batal ha detto che lo spray al peperoncino è stato usato contro i manifestanti ma non ha avuto alcun effetto sull’incendio.

L’ambasciata ha affermato in un comunicato che le azioni dei manifestanti e le cerimonie del fumo sono state svolte senza “la conoscenza, l’approvazione o l’autorizzazione” del consiglio dell’ambasciata o dei proprietari tradizionali responsabili dell’organizzazione dell’ambasciata.

“Sebbene sosteniamo il concetto di azione diretta nonviolenta, non tolleriamo la distruzione della proprietà pubblica e privata”, si legge nella dichiarazione.

Sul posto poco prima di mezzogiorno sono intervenuti i servizi di emergenza sanitaria che, per precauzione, hanno evacuato l’edificio.

I video sui social media hanno mostrato la polizia che trascinava i manifestanti lontano dai gradini dell’edificio e un grande fuoco che ardeva nelle porte. La facciata del sito dichiarato patrimonio è stata gravemente danneggiata.

Non ci sono stati feriti gravi e non sono stati effettuati arresti a partire da giovedì pomeriggio, ha detto Champion.

READ  Notizie UE: Viktor Orban attacca l'UE dopo le critiche di Bruxelles | mondo | notizia

“Le indagini sono ancora in corso e se troviamo i responsabili, saranno perseguiti”, ha detto.

Supt Sam Evans di ACT Fire and Rescue ha affermato che l’incendio non si è diffuso all’edificio, nonostante gli allarmi antincendio interni siano stati attivati. “Ci sono danni da acqua e fumo all’interno dell’edificio”, ha detto.

È stato devastato, ha detto Andrew Harper dell’Australian Democracy Museum, che si trova nella Old Parliament House.

“Siamo molto preoccupati per i danni”, ha detto. “Chiuderemo i battenti per un po’, ma non appena possibile torneremo ad aprire di nuovo alla condivisione di questo edificio iconico con il pubblico”.

Harper afferma che non è chiaro se le porte originali del 1927 possano essere salvate o l’entità del danno arrecato all’interno dell’edificio.

Un gruppo di attivisti contro i vaccini ha trasmesso la sua protesta e parti dell’incendio sui social media.

Un manifestante ha detto a Sky News che il gruppo era lì per “ragioni positive”, ma ha aggiunto che “hanno dovuto bruciare quella porta solo per far passare il messaggio”.

I manifestanti hanno dato fuoco all’edificio il 21 dicembre e dal 26 dicembre ci sono state proteste quotidiane al di fuori di esso.

Il primo ministro, Scott Morrison, si è detto “disgustato e inorridito” dall’incendio.

“È un peccato. Le autorità devono agire rapidamente in conformità con la legge e le persone devono affrontare le conseguenze delle loro azioni”.

L’Ambasciata di Al Khaimah terrà un evento di tre giorni tra il 25 e il 27 gennaio per celebrare il suo 50° anniversario e “in onore e lutto del nostro passato”.

La polizia ha detto che il museo rimarrà chiuso fino a nuovo avviso.

READ  Il sostenitore di Trump sostituisce Liz Cheney come Senior Repubblicana | Notizie dagli Stati Uniti

“E’ un edificio molto storico”, ha detto il leader dell’opposizione Anthony Albanese.

“E’ un edificio importante e spero solo che ci saranno pochissimi danni”, ha detto.

L’edificio, completato negli anni ’20, è stato aggiunto all’Australian National Heritage List nel 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.