La Russia cade nella stagnazione – The Moscow Times

L’economia russa è entrata in una recessione poiché il prodotto interno lordo è diminuito del 4% nel terzo trimestre, secondo le prime stime rilasciate mercoledì dall’agenzia nazionale di statistica Rosstat.

Il calo del prodotto interno lordo segue una simile contrazione del 4% nel secondo trimestre, quando le sanzioni occidentali hanno devastato l’economia russa sulla scia dell’attacco di Mosca all’Ucraina.

Il calo del 4% della produzione economica tra luglio e settembre è stato inferiore alla contrazione del 4,5% prevista dagli analisti.

La contrazione è stata guidata da un calo del 22,6% nel commercio all’ingrosso e da un calo del 9,1% nel commercio al dettaglio.

Sul lato positivo, l’edilizia è cresciuta del 6,7% e l’agricoltura del 6,2%.

Una recessione è generalmente definita come due trimestri consecutivi di contrazione economica.La Russia ha sperimentato l’ultima recessione tecnica tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 mentre il mondo stava attraversando la pandemia di coronavirus.

L’economia russa è andata bene all’inizio del 2022 con un aumento del 3,5% del PIL, ma l’inizio dell’offensiva contro l’Ucraina ha portato a un’ondata di sanzioni dall’Occidente.

Restrizioni alle esportazioni e alle importazioni, carenza di personale e problemi con la fornitura di pezzi di ricambio hanno messo a dura prova l’economia russa.

L’8 novembre, la banca centrale ha previsto che il prodotto interno lordo si contrarrà del 3,5% quest’anno.

Il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale stimano rispettivamente un calo del PIL russo al 3,4% e al 4,5%.

Nonostante la recessione economica, il tasso di disoccupazione in Russia è stato del 3,9% a settembre, secondo Rosstat.

A ottobre, la banca centrale russa ha mantenuto il tasso di interesse principale al 7,5%. Questa è stata la prima volta dall’inizio dell’offensiva militare in Ucraina che il tasso principale è rimasto invariato.

READ  Instagram, WhatsApp e Facebook Messenger soffrono di interruzioni del servizio

Il governatore della Banca di Russia Elvira Nabiullina ha affermato che la banca centrale non prevede di modificare il tasso fino alla fine dell’anno, riferendosi all'”adattamento” a una “nuova realtà”.

Dopo che la Russia è stata colpita dalle sanzioni occidentali per l’attacco dell’Ucraina, la banca ha aumentato drasticamente il suo tasso di interesse chiave dal 9,5% al ​​20% nel tentativo di contrastare l’inflazione e sostenere il rublo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.