La Russia afferma che i soldati ucraini hanno giustiziato i prigionieri di guerra nel Donbass | Russia

Il Cremlino ha accusato i soldati ucraini di aver giustiziato più di 10 prigionieri di guerra russi dopo che un video circolato sui social media affermava di essere in prima linea.

Il filmato mostra un gruppo di soldati russi che emerge da una dependance sul terreno di una casa con le mani sopra la testa prima che gli venga detto di sdraiarsi a faccia in giù.

Tuttavia, uno degli uomini, vestito tutto di nero, sembrò puntare il fucile contro quella che sembrava essere un’unità ucraina di soldati che indossavano fasce gialle al braccio mentre usciva dall’edificio semidiroccato.

Il filmato, apparentemente ripreso da un soldato ucraino, indica che tutti i russi, compresi quelli in una posizione vulnerabile, vengono uccisi nelle violenze che ne derivano. Ci sono almeno 12 corpi.

L’incidente sarebbe avvenuto sul terreno di una casa vicino al villaggio di Makiivka, nella regione orientale di Luhansk. Ucrainache fa parte di una regione più ampia nota come Donbass.

Né la posizione né l’identità di coloro che appaiono nel video sono state immediatamente verificate in modo indipendente.

Il ministero della Difesa ucraino non ha risposto a una richiesta di commento.

Un portavoce del Ministero della Difesa russo ha dichiarato: “Questa brutale uccisione di soldati russi non è né il primo né l’unico crimine di guerra.

“Questa è una pratica comune nelle forze armate ucraine che è attivamente sostenuta dal regime di Kiev ed è palesemente ignorata dai suoi sponsor occidentali”.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che il filmato mostrava “l’uccisione deliberata e sistematica di oltre 10 soldati russi disabili da parte di soldati ucraini degenerati”.

READ  I talebani controllano Kunduz, terzo capoluogo di provincia in tre giorni | Notizie talebane

Il portavoce ha detto che il governo ucraino si assumerà la responsabilità di “ogni prigioniero che viene torturato e ucciso”.

Il conflitto in Ucraina seguito alla decisione di Vladimir Putin di invadere il Paese il 24 febbraio ha portato ad accuse di crimini di guerra tra le due parti.

In risposta a precedenti accuse, il ministero degli Esteri ucraino ha dichiarato che avrebbe indagato su eventuali incidenti, sebbene nessuna delle indagini sembrasse aver raggiunto una conclusione.

Il Cremlino non ha fatto alcuna promessa in merito a una serie di accuse di tortura di combattenti e civili in Ucraina da parte delle sue forze e mercenari che combattono per conto della Russia.

Le Nazioni Unite definiscono crimine di guerra una grave violazione del diritto internazionale commessa contro civili o forze ostili durante un conflitto armato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.