La procura italiana afferma che non ci sono prove che i servizi segreti russi abbiano avuto un ruolo nella fuga di un sospetto ricercato dagli Stati Uniti

Non ci sono prove che i servizi segreti russi siano stati coinvolti nella fuga dalla custodia italiana di un uomo d’affari russo ricercato dagli Stati Uniti con l’accusa di violazione delle sanzioni, hanno detto mercoledì la Procura di Milano in una conferenza stampa.

Due sospetti sono stati arrestati, uno nel nord Italia e un altro in Croazia, e quattro sono ricercati per aver aiutato Artyom Usz, il figlio quarantenne del governatore della vasta regione russa di Krasnoyarsk, nella Siberia orientale, a fuggire dagli arresti domiciliari. Milano lo scorso marzo. Era stato arrestato cinque mesi fa all’aeroporto di Milano mentre cercava di imbarcarsi su un volo per Istanbul.

Uss è scomparso il giorno dopo che un tribunale italiano ha approvato la sua estradizione negli Stati Uniti, offrendo una ricompensa di 7 milioni di dollari per informazioni che abbiano portato al suo arresto o condanna con l’accusa di contrabbando di tecnologia americana in violazione delle sanzioni occidentali e di riciclaggio di denaro. Siamo riapparsi in Russia lo scorso aprile.

Rischia fino a 30 anni di carcere, hanno detto i procuratori di Milano.

Secondo il Dipartimento di Stato americano, l’USS ha organizzato frodi transnazionali, contrabbando e riciclaggio di denaro in parte attraverso una società con sede ad Amburgo, in Germania. Lui e un altro sospettato non identificato sono accusati di aver esportato illegalmente milioni di dollari di tecnologia militare a duplice uso dagli Stati Uniti alla Russia e di aver utilizzato il sistema finanziario statunitense per contrabbandare milioni di barili di petrolio dal Venezuela in violazione delle sanzioni statunitensi e di altro tipo. .

READ  La Libia si unisce all'Italia per combattere l'immigrazione irregolare - Middle East Monitor

I media italiani hanno riferito che le agenzie di intelligence russe sono state coinvolte nel rimuovere il suo braccialetto elettronico e costringerlo a lasciare il Paese con un passaporto falso prima di portarlo su un aereo privato per la Russia.

Ma il pubblico ministero Marcello Viola ha detto ai giornalisti che fino ad oggi non c’erano prove a sostegno di ciò.

Viola ha detto che i sospetti sono stati identificati prima dalla targa di uno dei veicoli in fuga, poi dai tabulati telefonici e dalle immagini. “Questa fuga era stata pianificata in modo elaborato nei giorni precedenti”, ha detto Viola, aggiungendo che alcuni sospettati hanno gasato la casa dove si trovava Uss almeno cinque volte. In entrambe le occasioni, il braccialetto ha suonato un allarme, portando i pubblici ministeri a credere che stessero testando il computer.

In totale, durante i 79 giorni di arresti domiciliari, il braccialetto d’allarme è suonato 124 volte, molti per motivi tecnici, ma alcuni apparentemente come parte della fase di pianificazione. Ogni volta i Carabinieri italiani hanno visitato l’abitazione e perquisito.

Gli Stati Uniti, l’Interpol e l’agenzia di giustizia penale dell’Unione Europea stanno collaborando alle indagini, ha detto Viola, aggiungendo che i sospettati si trovano in un “punto caldo”, alcuni in paesi extraeuropei. Sono stati arrestati un padre e un figlio di origine bosniaca, mentre altri sospettati sono stati identificati come sloveni e serbi.

Il premier italiano Giorgia Meloni ha riconosciuto “contraddizioni” nel trattamento di Uzse, inclusa una decisione della corte d’appello di trasferirlo agli arresti domiciliari un mese dopo il suo arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *