La Polonia intensifica la pressione per inviare carri armati di fabbricazione tedesca in Ucraina | Ucraina

La Polonia ha ribadito di essere pronta a inviare carri armati in Ucraina senza il consenso della Germania, mentre crescono le pressioni su Berlino per fornirle le armi pesanti che Kyiv richiede.

Il primo ministro polacco ha detto che il suo governo chiederà il permesso a Berlino per inviare carri armati Leopard di fabbricazione tedesca in Polonia Ucrainama ha descritto tale approvazione come “di secondaria importanza”.

“Anche se non otteniamo questa approvazione… continueremo a trasferire i nostri carri armati, insieme ad altri, in Ucraina”, ha detto Mateusz Moravecki. Ha aggiunto: “La condizione per noi in questo momento è costruire almeno una piccola coalizione di paesi”.

Berlino è sottoposta a intense pressioni per il rilascio di attrezzature militari dopo che non è riuscita a prendere una decisione durante l’attesissimo vertice internazionale sulla difesa alla base militare statunitense di Ramstein, nel sud-ovest della Germania, venerdì.

Il ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock ha confermato il commento di domenica sul suo paese non “si intrometterà” L’invio da parte della Polonia di carri armati Leopard in Ucraina ha causato una certa confusione a Berlino. Per ora, non è chiaro se le sue osservazioni segnalino un cambiamento nella posizione del governo o se si tratti semplicemente di un tentativo del Partito dei Verdi di correggere la strategia di comunicazione fallita del Cancelliere Olaf Scholz.

Burbock non ha ripetuto il suo commento quando è stato pressato sulla questione lunedì mattina. “È importante che noi come comunità internazionale facciamo di tutto per difendere l’Ucraina, in modo che l’Ucraina vinca. Se l’Ucraina perde, cesserà di esistere”, ha detto alla stampa durante una riunione del Consiglio Affari esteri dell’UE a Bruxelles.

READ  La determinazione occidentale sarà messa alla prova poiché le figure chiave negli Stati Uniti e nell'Unione Europea vogliono che l'Ucraina ceda il suo territorio alla Russia e faccia la pace

Il collega di partito di Berbock, Robert Habeck, ministro tedesco per gli affari economici, aveva già indicato 10 giorni prima che il suo ministero non avrebbe impedito la riesportazione di carri armati Leopard 2 da altri paesi europei in Ucraina. “C’è una differenza tra prendere una decisione di propria spontanea volontà e bloccare la decisione degli altri”, ha detto Habeck all’epoca.

Mentre la riesportazione di carri armati di fabbricazione tedesca dovrebbe essere approvata dal Ministero dell’Economia, la carta bianca di Habeck per tali decisioni ha effettivamente spostato il processo decisionale all’ufficio di Schulz.

È difficile immaginare il fatto che Scholz bloccherebbe la richiesta formale della Polonia di fornire a Kiev carri armati Leopard 2 dalle sue riserve, come è stato chiarito lunedì, anche perché farebbe saltare la posizione del cancelliere secondo cui la posizione degli alleati su tali questioni è più uniti. Dai resoconti dei media lo facevano sembrare.

Il nuovo ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, domenica sera ha respinto le notizie di un litigio aperto tra Washington e Berlino sulla questione dei carri armati. “La Germania non era isolata”, ha detto Pistorius a proposito dell’incontro di venerdì scorso alla base aerea di Ramstein.

La Polonia si è detta pronta a inviare 14 carri armati Leopard in Ucraina. In commenti precedenti, Morawiecki ha definito inaccettabile la posizione della Germania. Ha detto: “Sto cercando di soppesare le mie parole, ma lo dirò francamente: l’Ucraina e l’Europa vinceranno questa guerra, con o senza la Germania”.

I ministri degli Esteri dell’UE discuteranno la questione lunedì a Bruxelles, ma non è prevista alcuna svolta immediata.

Il ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, ha detto che il suo paese potrebbe fornire all’Ucraina carri armati Leopard e pezzi di ricambio, e/o addestrare soldati per guidare e mantenere i carri armati, ma ha osservato che la decisione spettava alla Germania. Stiamo ancora decidendo che tipo di pacchetto verrà formato. Speriamo che sia una situazione in cui paesi come la Germania possano partecipare.

Nel frattempo, i più potenti alleati dell’Ucraina nei Paesi baltici hanno chiarito che vogliono che la Germania si muova rapidamente. “Vorrei chiarire che la Germania è un motore dell’Europa e impone anche una responsabilità speciale”, ha detto il ministro degli Esteri dell’Estonia, Urmas Reinsalu. Ha detto che l’Estonia spende l’1% del suo reddito nazionale in aiuti militari all’Ucraina e ha esortato gli altri a fare lo stesso. “Dobbiamo dare al popolo ucraino uno scudo ma anche una spada per liberare il territorio”.

Il suo omologo lituano, Gabrielius Landsbergis, ha detto che in Germania si stava svolgendo una “discussione molto animata”. “Spero che sia produttivo come in passato, per la Germania inviare carri armati. Sfortunatamente, noi che stiamo aspettando di inviarli dovremo aspettare un altro giorno”.

Riferendosi all’oppressione della Lituania sotto l’Unione Sovietica, Landsbergis ha affermato che “dobbiamo sconfiggere la paura di sconfiggere la Russia”, senza nominare paesi specifici. “Se non ci prepariamo alla perdita della guerra da parte della Russia, non siamo seriamente intenzionati ad aiutare l’Ucraina a vincere”, ha detto.

Il capo degli affari esteri dell’Unione europea, Josep Borrell, ha affermato di ritenere che tali armi dovrebbero essere fornite all’esercito ucraino, ma lo ha descritto come una decisione degli Stati membri dell’UE.

L’UE dovrebbe approvare ulteriori 500 milioni di euro (440 milioni di sterline) di finanziamento di armi per l’Ucraina attraverso il suo Fondo europeo per la pace, in attesa di procedimenti legali in una data successiva. Il ministro degli Esteri francese, Catherine Colonna, ha detto di “non avere dubbi che questa è una decisione che prenderemo oggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.