Hajj 2024: almeno 14 pellegrini muoiono a causa di un colpo di calore

MINNA, Arabia Saudita (AP) – Folle di pellegrini domenica si sono imbarcate in una simbolica lapidazione del diavolo in Arabia Saudita sotto il caldo soffocante dell’estate. Il rituale rappresenta gli ultimi giorni di Hajj o Hajj islamico E l'inizio delle celebrazioni dell'Eid al-Adha per i musulmani di tutto il mondo.

La lapidazione è uno dei rituali finali dell'Hajj ed è uno dei cinque pilastri dell'Islam. Ciò è avvenuto un giorno dopo più di 1,8 milioni I pellegrini si riuniscono sulla collina sacra conosciuta come Monte Ararat. Fuori dalla città santa della Mecca, che i pellegrini musulmani visitano per eseguire il rituale annuale Hajj di cinque giorni.

Secondo l'agenzia di stampa giordana Petra, 14 pellegrini giordani sono morti di colpi di sole durante il pellegrinaggio Hajj. Il Ministero degli Affari Esteri ha dichiarato in un comunicato di essersi coordinato con le autorità saudite per seppellire i morti in Arabia Saudita o trasportarli in Giordania.

Mohammed Al-Abdulali, portavoce del Ministero della Sanità saudita, ha detto ai giornalisti che solo domenica più di 2.760 pellegrini hanno sofferto di colpi di sole e colpi di calore. Si aspettava che il numero aumentasse e ha esortato i partecipanti a evitare il sole nelle ore di punta e a bere acqua. “Lo stress da caldo è la sfida più grande”, ha detto.

I pellegrini hanno lasciato il Monte Arafat sabato sera per trascorrere la notte in un sito vicino noto come Muzdalifah, dove hanno raccolto dei ciottoli da utilizzare per lanciare pilastri che rappresentano simbolicamente Satana.

Le colonne si trovano in un altro luogo santo della Mecca, chiamato Mina, dove i musulmani credono che la fede di Abramo fu messa alla prova quando Dio gli comandò di sacrificare il suo unico figlio, Ismaele. Abramo era pronto a sottomettersi al comando, ma poi Dio gli fermò la mano, risparmiando suo figlio. Sia nella versione cristiana che in quella ebraica della storia, ad Abramo viene ordinato di uccidere l'altro figlio, Isacco.

Domenica mattina la folla si è diretta a piedi verso le aree di lapidazione. Alcuni sono stati visti spingere pellegrini disabili su sedia a rotelle lungo una strada a più corsie che conduce al complesso che comprende le grandi colonne. La maggior parte dei pellegrini sono stati visti soffrire il caldo intenso e portare con sé ombrelli per proteggersi dal sole cocente estivo.

READ  Un terremoto di magnitudo 2.2 colpisce New York City

Un giornalista dell'Associated Press ha visto molti pellegrini, soprattutto anziani, crollare sul sentiero che porta ai pilastri a causa del caldo torrido. Forze di sicurezza e paramedici sono stati schierati per assistere, e coloro che hanno perso conoscenza sono stati trasferiti su barelle dal caldo alle ambulanze o agli ospedali da campo. Con l’aumento delle temperature entro mezzogiorno, sempre più persone avevano bisogno di assistenza medica. La temperatura ha raggiunto i 47 gradi Celsius (116,6 Fahrenheit) alla Mecca e i 46 gradi Celsius (114,8 Fahrenheit) a Mina, secondo l'Autorità meteorologica saudita.

Nonostante il caldo soffocante, molti pellegrini hanno espresso la loro gioia di poter portare a termine i loro rituali.

Abdel Muti Abu Ghanima, un pellegrino egiziano, ha detto: “Sia lodato Dio (l'operazione) è stata gioiosa e buona”. “Nessuno vuole più di questo.”

Molti pellegrini trascorrono fino a tre giorni a Mina, lanciando ciascuno sette sassi contro tre pilastri in un rituale che simboleggia l'eliminazione del male e del peccato.

Mentre sono a Mina, visiteranno la Mecca per eseguire il “tawaf”, o circumambulazione, che consiste nel girare attorno alla Kaaba nella Grande Moschea in senso antiorario per sette volte. Poi un'altra circumambulazione, il Tawaf d'addio, segnerà la fine dell'Hajj mentre i pellegrini si preparano a lasciare la Città Santa.

Il rituale coincide con i quattro giorni dell’Eid al-Adha, che significa “festa del sacrificio”, quando i musulmani benestanti commentano la prova di fede di Abramo macellando bovini e animali e distribuendo carne ai poveri.

La maggior parte dei paesi celebra l'Eid al-Adha domenica. Altri, come l’Indonesia, lo festeggeranno lunedì.

Una volta terminato l'Hajj, ci si aspetta che gli uomini si radano la testa e rimuovano gli abiti bianchi simili a un sudario indossati durante l'Hajj, e anche le donne tagliano una ciocca di capelli in segno di rinnovamento e rinascita.

La maggior parte dei pellegrini lascia quindi la Mecca per Medina, a circa 340 chilometri (210 miglia) di distanza, per pregare presso la tomba del profeta Maometto, la Camera Santa. La tomba fa parte della Moschea del Profeta, uno dei tre luoghi più sacri dell'Islam, insieme alla Grande Moschea della Mecca e alla Moschea Al-Aqsa a Gerusalemme.

READ  Guerra in Ucraina: il Regno Unito "probabilmente" aggiungerà altre centinaia di truppe alle forze della NATO in Estonia per aiutare a scoraggiare la Russia, afferma il ministro della Difesa | notizie dal mondo

Tutti i musulmani sono tenuti a compiere l'Hajj una volta nella vita se sono fisicamente e finanziariamente in grado di farlo. Molti ricchi musulmani eseguono l'Hajj più di una volta. I rituali commemorano in gran parte il profeta Abramo, suo figlio, il profeta Ismaele, la madre di Ismaele, Agar, e il profeta Maometto, secondo il Corano, il libro sacro dell'Islam.

Il ministro saudita dell'Hajj e dell'Umrah Tawfiq bin Fawzan Al-Rabiah ha dichiarato in una conferenza stampa che più di 1,83 milioni di musulmani hanno eseguito l'Hajj nel 2024, un numero leggermente inferiore rispetto ai numeri dell'anno scorso, quando 1,84 milioni hanno eseguito i rituali dell'Hajj.

La maggior parte dei rituali Hajj si svolgono all'aperto con poca, se non nessuna, ombra. È ambientato nella seconda settimana di Dhu al-Hijjah, l'ultimo mese del calendario lunare islamico, quindi il periodo dell'anno varia. Quest’anno l’Hajj si è svolto durante la torrida estate saudita.

La stagione dell'Hajj di quest'anno si è svolta in uno scenario devastante Guerra Israele-HamasCiò ha spinto il Medio Oriente sull’orlo del conflitto regionale.

I palestinesi della Striscia di Gaza non hanno potuto recarsi alla Mecca per celebrare l’Hajj quest’anno a causa della chiusura del valico di Rafah a maggio, quando Israele ha ampliato il suo attacco di terra sulla città al confine con l’Egitto. E non saranno in grado di farlo Celebrano l'Eid al-Adha come hanno fatto negli anni precedenti.

Gaza: decine di palestinesi si sono radunati domenica mattina vicino alla moschea distrutta a Gaza City, a sud della Striscia di Gaza. Khan Younes Per eseguire la preghiera dell'Eid. Erano circondati da macerie e ruderi di case crollate. Nella vicina città di Deir al-Balah, nel centro di Gaza, i musulmani hanno pregato in un rifugio trasformato in scuola. Alcuni, tra cui donne e bambini, si recavano ai cimiteri per visitare le tombe dei loro cari.

READ  Le foto immobiliari più popolari di Airbnb su Instagram nel 2020

Abdel Halim Abu Samra, un palestinese sfollato, ha dichiarato all'Associated Press dopo la conclusione della preghiera a Khan Yunis: “Oggi, dopo il nono mese, sono caduti più di 37.000 martiri, più di 87.000 sono stati feriti e centinaia di migliaia di case sono stati distrutti.” “La nostra gente vive in circostanze difficili.”

Anche nella Cisgiordania occupata, i palestinesi si sono riuniti per celebrare la preghiera dell’Eid a Ramallah, il quartier generale dell’Autorità Palestinese sostenuta dall’Occidente. Mahmoud Muhanna, l’imam di una moschea, ha detto: “Stiamo soffrendo molto e viviamo momenti difficili con (ciò che sta accadendo) ai nostri fratelli a Gaza”.

Nella capitale yemenita, Sanaa, controllata dagli Houthi, e nella capitale irachena, Baghdad, i musulmani hanno celebrato e pregato per i palestinesi stanchi della guerra a Gaza.

Bashar Al-Mashhadani, l’imam della moschea Al-Jilani a Baghdad, ha detto: “Ci rallegriamo dell’Eid, ma i nostri cuori sono tristi quando vediamo i nostri fratelli in Palestina”. “(Noi) esortiamo i paesi arabi e islamici a sostenerli e a sostenerli in questa dura prova”.

In Libano, dove il gruppo militante Hezbollah scambia attacchi quasi quotidiani con Israele, un flusso costante di visitatori si è recato al cimitero dei martiri palestinesi vicino al campo profughi palestinese di Shatila a Beirut domenica mattina presto, portando fiori e brocche d’acqua sulle loro tombe. Cari amici, è un'usanza annuale il primo giorno dell'Eid.

Il cimitero è il luogo di sepoltura di molti leader e militanti dell'OLP uccisi mentre combattevano le forze israeliane in Libano negli anni '70 e '80. nei giorni scorsi, Il leader di Hamas Saleh Al-Arouri Lui e altri due membri di Hamas, che furono uccisi con lui in un presunto attacco aereo israeliano nel sobborgo meridionale di Beirut a gennaio, furono sepolti lì.

___

Hanno contribuito a questo rapporto gli scrittori dell'Associated Press Wafaa Al-Shurafa nella Striscia di Gaza e Abby Sewell a Beirut.

___

La copertura religiosa dell'Associated Press riceve supporto tramite l'AP cooperazione Con The Conversation US, finanziato da Lilly Endowment Inc., l'AP è l'unico responsabile di questo contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *