La pluripremiata statua greca antica del Getty Museum appartiene all'Italia, stabilisce il tribunale

J a Los Angeles. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che l'Italia possiede un'antica statua greca ora conservata al Paul Getty Museum.

Gli esperti ritengono che la statua in bronzo, Ragazzo di successo, AVANTI CRISTO Realizzato da uno scultore sconosciuto in Grecia intorno al 300-100 e trasportato nell'attuale Italia dai Romani pochi anni dopo. Si ritiene che la nave che conservò la statua sia affondata sul fondo del Mar Adriatico fino a quando non fu scoperta da pescatori italiani in acque internazionali nel 1964.

Tuttavia, le autorità italiane affermano che la statua fu illegalmente portata fuori dal paese prima di essere acquistata dal Getty Museum nel 1977 per circa 4 milioni di dollari. Prima che il Getty prendesse il controllo del museo, le autorità italiane tentarono senza successo di rivendicare la statua da un mercante d'arte tedesco, una decisione che si è concretizzata nella sentenza dei sette giudici della corte.

“In particolare, l'ordine di confisca è stato sproporzionato a causa di negligenza o malafede da parte della Getty Foundation nell'acquisto della statua, nonostante fosse a conoscenza delle pretese del governo italiano e dei suoi sforzi per recuperarla. L'oggetto faceva parte del patrimonio culturale italiano “, ha stabilito il tribunale.

Al momento dell'acquisto del Getty Museum, le autorità italiane fecero diversi tentativi per recuperare il transito, comprese indagini sia a livello nazionale che tramite l'Interpol e petizioni alle autorità degli Stati Uniti e dell'Inghilterra dove la statua aveva viaggiato. Artnet News non è stata in grado di determinare se la Grecia abbia mai tentato di rivendicare la scultura.

Il 2 maggio, il tribunale ha raggiunto il suo verdetto Il Getty Museum ha presentato ricorso contro una precedente sentenza del 2018 alla Corte di Cassazione italiana, che ha ordinato la confisca e la restituzione della scultura, confermando una precedente decisione di un tribunale italiano di grado inferiore.

READ  Gli imprenditori italiani in Irlanda sono stati coinvolti nell'isolamento forzato degli hotel

Il comitato della CEDU ha ritenuto che la base giuridica dell'ordine di confisca dell'Italia fosse valida perché le autorità italiane avevano “ragionevolmente dimostrato che la statua faceva parte del patrimonio culturale italiano ed era legalmente posseduta. [it].”

La giurisdizione della Corte europea per gestire il caso è stata stabilita perché il Getty Museum ha sostenuto che i suoi diritti umani erano stati violati dalla campagna italiana. Ragazzo di successo Statua nuovamente sotto il diritto dell'Unione Europea.

Tuttavia, poiché gli Stati Uniti non sono parte della CEDU e le sue sentenze non sono vincolanti, i prossimi passi nella controversia rimangono poco chiari. L'Italia ha chiesto all'ufficio del procuratore generale degli Stati Uniti di eseguire l'ordine di confisca nel 2019, ma secondo la CEDU esso è “ancora pendente”.

“Se la corte americana confermasse la sentenza, aprirebbe un grande vaso di Pandora per i musei americani”, ha detto Patty Kerstenblith, esperta di diritto del patrimonio culturale alla DePaul University. ha detto all’Associated Press.

Seguimi Notizie su Artnet Su Facebook:

Vuoi restare nel mondo dell'arte? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime notizie, interviste illuminanti e recensioni approfondite che fanno avanzare la conversazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *