La Germania punta alla quarta FSRU in corsa per tagliare il gas russo

Una vista mostra le valvole vicino a una piattaforma di perforazione in un impianto di trattamento del gas gestito da Gazprom nel giacimento di gas di Povanenkovo ​​nella penisola artica di Yamal, Russia, 21 maggio 2019. REUTERS/Maxim Shemetov

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

BERLINO (Reuters) – La Germania vuole costruire quattro unità invece di tre unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione, ha affermato il ministero dell’Economia tedesco, mentre cerca di sostituire il gas russo con gas naturale liquefatto che può essere ottenuto da molti paesi. Domenica.

Il governo del cancelliere Olaf Scholz sta cercando alternative per consegnare gasdotti dalla Russia con l’obiettivo di portare a zero le importazioni entro due anni.

La decisione del presidente Vladimir Putin di invadere l’Ucraina ha infranto la convinzione decennale in Germania che la cooperazione economica con la Russia avrebbe assicurato la pace in Europa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Schulz ha rifiutato le richieste di interrompere immediatamente le importazioni di gas russe nonostante le critiche sul fatto che aiuti a finanziare la guerra russa in Ucraina, dicendo che una misura così dura danneggerebbe l’Unione Europea più di quanto non farebbe la Russia.

Il ministero dell’Economia ha dichiarato in un rapporto sullo stato di avanzamento che i lavori per la prima FSRU a Wilhelmshaven inizieranno presto e dovrebbero essere pronti per la rigassificazione del GNL superraffreddato quest’anno.

La seconda struttura galleggiante sarà costruita a Brunsbuettel, a nord-ovest di Amburgo, e dovrebbe essere operativa il prossimo anno.

Servizi pubblici RWE (REWEG.DE) e Uniper (UN01.DE) Sono stati aggiudicati contratti per la costruzione di FSRU per i quali il governo ha stanziato 2,94 miliardi di euro (3,10 miliardi di dollari).

READ  Proteste in Svezia: tre feriti tra i disordini per la pianificazione di bruciare il Corano | notizie dal mondo

Il ministero ha affermato che le città settentrionali di Stade, Rostock e Amburgo, nonché Emshavn nei Paesi Bassi, erano potenziali sedi per le altre due FSRU.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca ha contribuito all’aumento dei prezzi dell’energia e ha sollevato timori di razionamento e blackout.

Il sindaco di Amburgo ha dichiarato al quotidiano Welt am Sonntag che la città prevede di allestire un terminale temporaneo di GNL che funzioni entro la fine dell’anno con una capacità di 8 miliardi di metri cubi all’anno.

Schulz ha licenziato gli economisti che hanno affermato che la Germania potrebbe gestire la chiusura del gas russo.

Le Università di Bonn e Colonia hanno affermato in uno studio congiunto che la produzione tedesca diminuirà tra lo 0,5% e il 3% nel breve termine, rispetto al 4,5% del 2020 a causa della pandemia, rendendo “significative, ma” le conseguenze della chiusura. gestibile”.

(1 dollaro = 0,9488 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Riferisce Andreas Reinke) Scritto da Joseph Nasr. Montaggio di Hugh Lawson e Barbara Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.