L’economia russa è “paralizzata a tutti i livelli” nonostante la propaganda di Putin

Economia russa Secondo gli esperti, viene “disastrosamente” paralizzato dalle sanzioni occidentali, nonostante gli sforzi di Vladimir Putin per nascondere i danni.

Gli analisti della Yale University che esaminano “la lingua russa speciale e le fonti di dati non convenzionali” affermano che le importazioni sono “crollate” e la produzione interna si è “completamente interrotta”.

La Russia ha perso società che rappresentano circa i due quinti del suo prodotto interno lordo a causa dell’immigrazione aziendale occidentale, affermano, portando a un calo di quasi tre decenni di investimenti esteri.

Il rapporto afferma che la pressione sta spingendo Putin verso interventi fiscali e monetari “insostenibili e drammatici”, sostenendo che “le risorse finanziarie del Cremlino sono in uno stato molto più grave di quanto tradizionalmente ritenuto”.

Il rapporto, dell’Executive Leadership Institute dell’Università di Yale, si descrive come “una delle prime analisi economiche complete” di come l’economia russa è progredita cinque mesi dopo l’invasione dell’Ucraina.

Smentisce le affermazioni che l’Occidente, poiché molti paesi sono alle prese con l’iperinflazione indotta dal conflitto, sta uscendo peggio della Russia in una guerra di logoramento economico scatenata da sanzioni senza precedenti.

Gli analisti guidati dal professor Jeffrey Sonnenfeld hanno detto La Russia è la più colpita economicamente Ciò che molti in Occidente capiscono. Il Cremlino ha limitato il numero di dichiarazioni ufficiali che ha rilasciato dopo l’invasione e le successive reazioni nel tentativo di coprire l’impatto.

“Dall’invasione, i rilasci economici del Cremlino sono diventati sempre più selettivi, eliminando selettivamente le metriche sfavorevoli e rilasciando solo le metriche più favorevoli”, hanno scritto gli analisti.

“Queste statistiche scelte con noncuranza da Putin vengono poi promosse attraverso i media e utilizzate da un gran numero di esperti ben intenzionati ma indifferenti nel costruire aspettative eccessivamente favorevoli e irrealistiche per il Cremlino”.

READ  I sondaggi di opinione indicano che non c'è un chiaro vincitore alle elezioni israeliane Notizie di corruzione

L’analisi ha esaminato una serie di dati al di fuori dell’influenza del Cremlino, comprese analisi non pubbliche da parte di banche di investimento, dati ad alta frequenza, versioni di partner internazionali e documenti russi.

Ha scoperto che il ritiro di oltre 1.000 società dalla Russia ha danneggiato ricavi e investimenti per oltre $ 600 miliardi, circa il 40% del PIL russo. Gli analisti hanno affermato che queste uscite potrebbero non avere un impatto immediato, ma costringeranno la Russia a compiere una trasformazione economica “drammatica e forzata”. Le aziende avevano anche circa un milione di dipendenti locali.

“I risultati della nostra analisi economica completa della Russia sono forti e indiscutibili: le sanzioni e la crisi economica non solo hanno funzionato, ma hanno completamente paralizzato l’economia russa a tutti i livelli”, hanno affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.