La Francia vieta i voli a corto raggio nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio

In Francia è entrato in vigore un divieto sui voli nazionali a corto raggio, nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio.

La nuova regola vieta i voli interurbani poiché lo stesso viaggio in treno può essere effettuato entro due ore e mezza.

La legge esclude di fatto alcune rotte aeree tra la capitale e Parigi e città come Bordeaux, Lione e Nantes, sebbene i voli non siano interessati dalla legge.

Il viaggio da Parigi alla città mediterranea di Marsiglia sarà ancora possibile via aerea, impiegando circa tre ore di treno ad alta velocità.

Il numero totale di viaggi effettuati è inferiore alle otto rotte segnalate nell’ambito della legge sul clima del 2021, anche se è chiaro che più viaggi potrebbero essere cancellati se i servizi ferroviari migliorassero.

La mossa è stata precedentemente criticata dal settore aereo, citando un periodo difficile per il settore a seguito della pandemia. Ieri il capo ad interim dell’Airline Group for Europe (A4E), Laurent Doncel, ha esortato i governi a sostenere “soluzioni reali e significative” alle emissioni delle compagnie aeree, piuttosto che “divieti simbolici”.

Ha detto ad Agence France-Presse che “il divieto di questi voli avrà solo effetti minori” sulla produzione di anidride carbonica.

Il coronavirus è stato un duro colpo per le compagnie aeree di tutto il mondo. Secondo Flightradar24, il numero di voli dello scorso anno è diminuito di quasi il 42% rispetto al 2019.

Alcuni attivisti per il clima affermano che la legge non va abbastanza lontano: è stato istituito un forum sul clima dei cittadini per consigliare il governo che originariamente aveva proposto di cancellare i voli che impiegano meno dell’equivalente di quattro ore di un viaggio in treno.

READ  Ultime notizie tra Israele e Gaza: il Consiglio di Sicurezza dell'ONU vota una risoluzione per il cessate il fuoco a Gaza

Parlando dopo che le regole sono state introdotte per la prima volta, Agnes Bagnier-Ronacher, ministro francese per la transizione energetica, ha dichiarato: “Sappiamo che l’aviazione contribuisce all’anidride carbonica e che a causa del cambiamento climatico dobbiamo ridurre le emissioni.

Allo stesso modo, dobbiamo sostenere le nostre aziende e non lasciarle cadere nel dimenticatoio. “

La nuova legge è stata introdotta mentre i politici francesi discutono su come ridurre le emissioni dei jet privati. I parlamentari verdi hanno chiesto il divieto totale dei piccoli voli privati ​​e il mese scorso Mr Bone ha monitorato gli utenti che addebitano tasse climatiche più elevate dal prossimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *