La Francia mobilita 7mila soldati e dichiara lo stato di massima allerta dopo gli accoltellamenti nelle scuole e gli arresti con un coltello in una moschea.

L’annuncio della mobilitazione è arrivato sabato dopo che il presidente Macron ha tenuto venerdì sera una riunione di emergenza del gabinetto di sicurezza.

annuncio

La Francia ha mobilitato settemila soldati e ha alzato l’allerta al livello di un “attacco di emergenza” dopo che un insegnante è stato accoltellato a morte nella città nordorientale di Arras venerdì da un ex studente con trascorsi di estremismo islamico.

Il presidente Emmanuel Macron ha preso questa decisione dopo aver tenuto venerdì sera una riunione d’emergenza del suo gabinetto di sicurezza.

Macron ha descritto l’accoltellamento, che ha ferito gravemente altri due dipendenti della scuola, come “terrorismo islamico”.

Il Palazzo dell’Eliseo ha dichiarato sabato mattina che il presidente ha ordinato “l’invio di un massimo di 7.000 soldati delle forze di guardia, che saranno schierati da ora fino a lunedì sera fino a nuovo avviso”.

Cosa è successo ad Arras?

Le autorità francesi hanno aperto indagini antiterrorismo dopo l’attentato di Arras.

La polizia locale afferma che un uomo armato di coltello ha ucciso un insegnante e ferito altre due persone venerdì mattina in una scuola superiore della città, che ha una popolazione di circa 41.000 persone. L’aggressore è stato arrestato sul posto.

L’incidente è avvenuto alla scuola secondaria Gambetta, che si trova nel centro della città, e la polizia dice che l’aggressore ha gridato “Allahu Akbar” in arabo.

Il suo nome è stato rivelato essere Muhammed Mogoshkov, 18 anni, ex studente della scuola di origine cecena oggetto di “sorveglianza attiva” da parte della Direzione generale della Sicurezza interna francese (DGSI).

Mogoshkgov è stato fermato e perquisito la settimana scorsa, ma è stato rilasciato perché non c’era motivo di trattenerlo, hanno detto i funzionari.

READ  La coppia neozelandese deve affrontare una fattura da $ 100.000 per riparare il muro di sostegno che non hanno installato

Nessuno studente delle scuole superiori è rimasto ferito nell’attacco, ma una guardia di sicurezza e un insegnante sono rimasti gravemente feriti dopo aver subito numerose coltellate.

Macron visita il luogo e tiene una riunione del gabinetto di sicurezza

Il presidente francese Emmanuel Macron ha visitato la scuola venerdì pomeriggio e ha invitato le persone a rimanere “unite” e “stare insieme” di fronte alla “barbarie del terrorismo islamico”.

Parlando nel cortile di un edificio vicino alla scuola dove venerdì mattina è avvenuto l’attacco mortale, Macron ha detto: “È stata fatta la scelta di non arrendersi al terrorismo e di non permettere che nulla ci divida”.

Più tardi venerdì sera, Macron ha tenuto una riunione d’emergenza del suo gabinetto di sicurezza a Parigi.

Alti ministri del governo e funzionari della polizia, dell’esercito e dei servizi segreti hanno partecipato all’incontro, avvenuto dopo la conferma di un secondo incidente di sicurezza.

Un uomo di 24 anni noto per essere un “estremista” è stato arrestato e preso in custodia dalla polizia perché portava un coltello mentre usciva da una moschea a Limay, alla periferia di Parigi.

La procura di Versailles ha confermato l’arresto dell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *