La Finlandia chiude tutte le frontiere con la Russia dopo un’ondata di migranti

Il primo ministro Petri Urbu ha dichiarato in una conferenza stampa a Helsinki che l’ultimo confine rimasto nell’Artico sarà chiuso fino al 13 dicembre.

annuncio

La Finlandia chiuderà completamente il confine orientale con la Russia a causa delle preoccupazioni sull’immigrazione.

primo ministro Petri Orbo Ciò è avvenuto durante una conferenza stampa martedì a Helsinki.

Alla Finlandia è rimasto aperto un solo posto di frontiera, situato nell’Artico, dopo che il governo ne ha chiusi altri sette a causa dell’ondata di migranti in arrivo dal Medio Oriente e dall’Africa.

Urbo ha osservato che la Finlandia condivide con la Russia un confine di 1.300 chilometri, per la maggior parte non recintato.

La Finlandia accusa Mosca di dirigere i migranti verso il confine finlandese, cosa che il ministro della Difesa ha definito una “guerra ibrida” da parte del Cremlino.

L’ultima stazione di frontiera aperta sul confine orientale, Raja Giuseppe a Inari, nel nord della Lapponia, sarà chiusa da giovedì 30 novembre fino al 13 dicembre.

“Il governo ha deciso di chiudere l’intero confine orientale”, ha detto Orbo ai giornalisti, aggiungendo che il paese si trova ad affrontare una situazione “eccezionale”.

Ha aggiunto: “Non accettiamo alcun tentativo di danneggiare la nostra sicurezza nazionale”.

Le autorità finlandesi affermano che questo mese circa 900 migranti hanno attraversato il confine dalla Russia, un numero molto maggiore del solito. La Russia è stata accusata di aver tentato di creare una crisi migratoria in Finlandia dopo che il paese nordico ha aderito alla NATO quest’anno.

L’ultimo valico di frontiera ancora aperto al traffico automobilistico, Raja-Giuseppe nel nord della Finlandia, chiuderà mercoledì a mezzanotte, ha detto il ministro dell’Interno Mari Rantanen.

READ  Almeno una persona viene uccisa dopo che un treno è deragliato in Pakistan

Il passaggio ferroviario tra i due Paesi resta aperto, ma solo per la circolazione delle merci.

Secondo il governo finlandese, le autorità russe hanno organizzato e incoraggiato il flusso di migranti verso la frontiera, dove vengono processati in Finlandia e trattati come richiedenti asilo.

La maggior parte di loro sono giovani, provenienti dalla Siria, dallo Yemen e dall’Iraq, e la Russia ha permesso loro di avvicinarsi al confine anche se non avevano documenti di viaggio.

I funzionari finlandesi ritengono che questa mossa arrivi in ​​risposta all’adesione della Finlandia alla NATO quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *