La famiglia del fuoriclasse di Italia-Uruguay è uscita di casa nel cuore della notte e la madre è stata tenuta in ostaggio

L’esterno italiano Sebastian Negri ne ha passate tante con la sua famiglia e significherà di più quando saranno sugli spalti mentre vincerà la sua 50esima presenza in nazionale alla Coppa del mondo di rugby contro l’Uruguay.

Lo scontro del girone A si svolgerà allo Stade de Nice, con l’Italia che cerca di continuare il suo periodo di forma dopo la vittoria per 52-8 sulla Namibia. L’Uruguay, nel frattempo, cercherà di riprendersi dopo aver perso la partita di apertura 27-12 contro la Francia, favorita del torneo e padrona di casa.




NO. Negri, che indossa la maglia numero 6, ha rivelato questa settimana di aver lasciato la sua terra natale nello Zimbabwe all’età di sette anni.

“I miei pensieri immediati sono stati: ‘Oh, papà ci porta in città, torneremo tra un giorno o giù di lì’. Non ci ho pensato molto, ma sapevi che non era bello perché potevi vedere il emozione e preoccupazione negli occhi di tuo padre.

“Ricordo di essere salito sul retro dell’auto e di papà che mi ha detto: ‘Stai zitto’, di aver spento tutte le luci dell’auto e di essere praticamente uscito dalla fattoria al buio e di aver guardato indietro attraverso la finestra sul retro della casa. non ho mai più rivisto la casa.

Iscriviti: per ricevere le ultime notizie sul rugby direttamente nella tua casella di posta, iscriviti qui.

Nei giorni successivi sua madre ritornò e fu presa in ostaggio. “La mamma è andata con la sua amica qualche giorno dopo ed era in ostaggio. Abbiamo dovuto coinvolgere l’ambasciata e non è andata bene. È stato molto spaventoso.

READ  Dimentica il Vaticano... L'Italia potrebbe essere un vero grattacapo politico per il Papa

“Da quando siamo partiti mio padre non è più tornato. Abbiamo tutti i documenti e tutto. Il podere è nostro. Chissà, un giorno lo riprenderemo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *