La “città perduta” nelle profondità dell’Oceano Atlantico è diversa da qualsiasi altra cosa abbiamo visto sulla Terra

La realtà di ciò che si trova nei nostri oceani affascina le persone da tempo immemorabile, quindi non c’è da meravigliarsi che abbiamo creato innumerevoli miti sulle sue profondità sottomarine.

Ma fatti da parte, Atlantide, gli scienziati hanno scoperto una vera città perduta sotto le onde, e questa città è in sintonia con la vita.

Questa imponente area rocciosa si trova a ovest della catena montuosa del Medio Atlantico, centinaia di metri sotto la superficie dell’Oceano Atlantico, ed è costituita da massicce mura, colonne e monoliti che si estendono fino a un’altezza di oltre 60 metri (200 piedi).

Per essere chiari, non è la sede di una civiltà umana dimenticata da tempo, ma ciò non rende la sua esistenza meno importante.

Il campo idrotermale, che fu chiamato la “Città Perduta” quando fu scoperto nel 2000, è l’ambiente di bocca oceanica più longevo conosciuto. Avviso scientificoRapporti.

Non è stato trovato niente di simile sulla Terra e gli esperti ritengono che potrebbe fornire informazioni sugli ecosistemi che potrebbero esistere altrove nell’universo.

Per più di 120.000 anni, lumache, crostacei e comunità microbiche si sono nutrite dalle bocche del campo, che scaricano idrogeno, metano e altri gas disciolti nelle acque circostanti.

Nonostante l’assenza di ossigeno, in questo ambiente ostile vivono anche animali più grandi, tra cui granchi, gamberetti e serpenti. Anche se è raro.

Gli idrocarburi prodotti dalle sue bocche non erano causati dalla luce solare o dall’anidride carbonica, ma da reazioni chimiche sul fondo del mare.

Ecco come potrebbe essersi formata la vita sul nostro pianeta circa 3,7 miliardi di anni fa, e come potrebbe essersi formata su un altro pianeta.

READ  Influenza aviaria trovata negli allevamenti di pollame in Minnesota

“Questo è un esempio del tipo di ecosistema che potrebbe essere attivo su Encelado o Europa in questo momento”, ha detto il microbiologo William Brazelton. Smithsonian Nel 2018, riferendosi rispettivamente alle lune di Saturno e Giove.

“E forse Marte nel passato.”

(A sinistra) Le torri della Città Perduta vengono esplorate con un veicolo telecomandato; (A destra) Batteri che vivono su una bocca di calcite(Dott. Kelly/Università di Washington)

Il monolite più alto della Città Perduta si chiama Poseidone, dal nome del dio greco del mare, ed è alto più di 60 metri.

Nel frattempo, appena a nord-est della torre, c’è un pendio dove le prese d’aria “piangono” con fluido, producendo “grappoli di minuscole escrescenze carbonatiche multi-ramificate che si estendono verso l’esterno come le dita di una mano rivolta verso l’alto”, secondo i ricercatori dell’Università di Washington. . .

Ora ci sono richieste affinché la Città Perduta venga inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità per proteggere il fenomeno naturale, soprattutto alla luce della tendenza degli esseri umani a distruggere preziosi ecosistemi.

Nel 2018 è stato confermato che la Polonia lo aveva fatto Ha vinto i diritti Per l’estrazione in acque profonde attorno al campo termale.

Mentre, in teoria, la Città Perduta non sarebbe influenzata da tali azioni, ad es Avviso scientifico Egli osserva che la distruzione delle aree circostanti può avere conseguenze indesiderate.

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita Indy100

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull’icona del voto positivo nella parte superiore della pagina per contribuire a far salire questo articolo nella classifica Indy100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *