La Borsa Janata in Italia sopravvive al tentativo di chiusura

Un ripensamento della proposta di chiusura della Janata Exchange Company italiana, perennemente in perdita, salva l'entità offshore tra i timori di impatti negativi sulle società di trasferimento e la conseguente crisi di immagine del governo, hanno detto i funzionari.

La Divisione delle Istituzioni Finanziarie (FID) del Ministero delle Finanze ha trasmesso questa decisione del governo alla Janata Bank PLC, l'istituto madre che calcola le perdite non maturate, hanno aggiunto.

La direzione della Janata Bank alla fine dell'anno scorso ha chiesto indicazioni al Ministero delle Finanze riguardo alla chiusura dell'unico istituto di pagamento statale in Europa del Bangladesh perché ogni anno subiva enormi perdite finanziarie mentre, in una strana contraddizione, le case di cambio del settore privato realizzavano enormi profitti .

Successivamente la FID ha chiesto il parere dell'Ambasciata del Bangladesh in Italia prima di prendere una decisione sulla liquidazione della gravosa Janata Exchange.

In una lettera di marzo, l'ambasciata ha informato il FID che la società di cambio è stata fondata nel 2002 e che i cittadini del Bangladesh che vivono in Italia inviano rimesse attraverso le due filiali della società a Roma e Milano.

La missione afferma che in Italia operano attualmente numerose società di cambio private, le quali effettuano molti più trasferimenti di denaro rispetto alla Janata Exchange Company, raccogliendo denaro tramite agenti.

Ha affermato che un “piano aziendale con una scadenza temporale” è stato presentato alla Banca Centrale Italiana nel 2022 per lanciare la rete di concessionari al fine di rendere redditizio Janata Exchange.

Una volta approvato, l'exchange potrà assumere agenti in importanti città italiane e diventerà gradualmente redditizio.

READ  Il crollo della serie italiana Jamie Oliver ha ricevuto dalle bocche dei tabelloni 1,3 milioni di sterline

Janata Exchange è l'unico strumento di pagamento in Bangladesh nei paesi dell'UE. Pertanto, se chiuso, l’apertura di un nuovo istituto di pagamento/ufficio di cambio nella regione dell’UE sarebbe difficile per il governo del Bangladesh soddisfare le sue esigenze immediate o a lungo termine, ha affermato l’ambasciata.

La missione ha inoltre affermato che, a causa della presenza di Janata Exchange, le case di cambio del settore privato sono costrette a pagare un tasso di cambio ragionevole ai mittenti di denaro.

“La chiusura della Borsa di Janata potrebbe portare ad un calo dei tassi di cambio e ad un monopolio che verrà creato dalle case di cambio private…si legge nella FID.

Aggiunge che si creerà un effetto di ricaduta negativo tra i bengalesi non residenti e danneggerà l'immagine del governo.

Nella lettera inviata alla Janata Bank, la FID ha anche sottolineato l'allarmante impatto negativo sul flusso di rimesse nel paese a seguito della possibile chiusura di Janata Exchange, hanno detto i funzionari.

Nell'agosto dello scorso anno, la Banca del Bangladesh ha chiesto alla Janata Bank di chiudere la Janata Exchange poiché aveva subito perdite finanziarie per 13 anni consecutivi, causando l'esaurimento delle riserve valutarie della banca.

Per compensare l’emorragia finanziaria causata dalla società di cambio, la sua società madre, Janata Bank, ha speso circa 456,2 milioni di Tk dalle proprie casse tra il 2009 e il 2020, mostrano i dati.

Inoltre, Janata Exchange ha ricevuto 113 milioni di Tk dalle sue azioni per coprire le spese per le perdite per il 2021 e il 202, hanno detto i funzionari.

[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *