Israele uccide la mente dell’attacco al kibbutz di Hamas

Anche i due gruppi d’attacco delle portaerei statunitensi inviati nel Mediterraneo orientale per difendere Israele possono fornire aiuti umanitari.

Sabato scorso l’amministrazione Biden ha dichiarato che invierà una seconda portaerei, la USS Dwight D. Eisenhower, e il suo gruppo d’attacco nel Mediterraneo orientale per sostenere Israele.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che la portaerei aggiuntiva è stata inviata “come parte dei nostri sforzi per scoraggiare azioni ostili contro Israele o qualsiasi tentativo di espandere questa guerra sulla scia dell’attacco di Hamas a Israele”.

L’Eisenhower si unirà al gruppo di portaerei USS Gerald R. Ford, che sta già navigando vicino a Israele, per rafforzare la presenza americana lì con un gruppo di cacciatorpediniere, aerei da caccia e incrociatori.

La portaerei Eisenhower è partita venerdì dal suo porto di origine a Norfolk, in Virginia. Avere due corrieri nella zona può fornire una gamma di opzioni.

Possono disperdersi e fungere da centri operativi primari di comando e controllo, coprendo un’ampia area della regione. Possono intraprendere una guerra dell’informazione. Possono lanciare e recuperare aerei di sorveglianza E2-Hawkeye che forniscono avvisi tempestivi di lanci di missili, conducono sorveglianza e gestiscono lo spazio aereo.

Entrambe le navi trasportano aerei da combattimento F-18 che possono volare per intercettare o colpire bersagli. Hanno anche notevoli capacità umanitarie, tra cui un ospedale a bordo con paramedici, chirurghi e medici, ed elicotteri a vela che possono essere utilizzati per trasportare in aereo forniture vitali o per raggiungere le vittime.

READ  La Francia vieta l'uso dell'abaya nelle scuole: Ministro | Notizie sull'istruzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *