Indonesia: inondazioni e lava fredda del vulcano Marabi uccidono 37 persone

Spiegazione video, Guarda: Colate di lava fredda e inondazioni colpiscono l'Indonesia

  • autore, Kelly Ng e BBC Indonesia
  • Ruolo, A Singapore e Giacarta

Almeno 37 persone sono state uccise dopo che inondazioni improvvise e colate di lava fredda provenienti da un vulcano hanno colpito l'isola indonesiana occidentale di Sumatra.

Sabato è caduta una forte pioggia per ore e torrenti di cenere e rocce hanno spazzato il Monte Marapi, il vulcano più attivo di Sumatra.

Colate di fango freddo hanno allagato due aree, uccidendo persone e danneggiando più di 100 case, moschee e strutture pubbliche.

Le autorità affermano che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare poiché 18 persone risultano disperse.

I sopravvissuti hanno raccontato di essere fuggiti mentre la lava fredda, una miscela di materiale vulcanico e ghiaia che scorre lungo le pendici del vulcano sotto la pioggia, scorreva verso le loro case.

Rena Divina, una casalinga di 43 anni della zona di Agam, ha detto all'AFP: “Ho sentito un tuono e un suono come di acqua bollente. Era il suono di grandi rocce che cadevano dal monte Marape”.

“Era buio pesto, quindi ho usato il mio telefono cellulare come torcia elettrica, quindi ho detto semplicemente ‘Dio, abbi pietà’ ancora e ancora”, ha detto la signora Divina.

La madre di tre figli ha aggiunto che la casa di un vicino è stata “rasa al suolo da grandi rocce” e che quattro dei suoi vicini sono morti.

Domenica pomeriggio, secondo la National Search and Rescue Agency, i soccorritori avevano trovato 19 corpi nel villaggio più colpito di Kandwang, nel distretto di Agam, e recuperato altri nove corpi nel vicino distretto di Tanah Datar.

Perliana Riscica, residente ad Agam, ha parlato della sua esperienza aiutando i suoi vicini feriti.

Berliana ha detto alla BBC Indonesia: “C'erano alcuni che piangevano istericamente, perché alcuni dei loro familiari non erano ancora stati rintracciati. C'erano anche quelli che hanno scoperto la morte dei loro cari”.

Commenta la foto, Colate di fango freddo hanno inondato due aree di Sumatra occidentale, uccidendo persone e danneggiando più di 100 proprietà.

Esperti ambientali hanno dichiarato alla BBC Indonesia che il diluvio è l’ultimo di una serie di disastri naturali causati, almeno in parte, dalle attività umane.

“Inondazioni improvvise e colate di fango freddo sono ancora frequenti e di crescente gravità a causa dello sfruttamento eccessivo delle risorse naturali e dello sviluppo non pianificato”, ha affermato Wengki Purwanto, direttore della sezione di Sumatra occidentale dell'Indonesian Environment Forum.

“Di conseguenza, ogni anno si ripetono gli stessi disastri. In effetti, la loro frequenza aumenta ogni anno. La distanza tra un disastro e l'altro si avvicina sempre più”, ha aggiunto.

L’area intorno al Monte Marape è stata testimone di numerosi disastri simili negli ultimi sei mesi.

Lo scorso 5 dicembre, 23 escursionisti sono stati uccisi dall'eruzione del vulcano, mentre le improvvise inondazioni del febbraio di quest'anno hanno distrutto dozzine di case a Tanah Datar.

Proprio il mese scorso, giorni di eruzione hanno gettato nel cielo enormi nubi di cenere, alte fino a due chilometri. I voli nella zona sono stati interrotti, le strade sono state chiuse e a più di 11.000 persone è stato chiesto di evacuare la zona.

Marape traduce dalla lingua locale Minang “montagna di fuoco”.

Commenta la foto, L’area intorno al Monte Marape è stata testimone di numerosi disastri simili negli ultimi sei mesi
READ  3.000 vittime russe per miglio quadrato catturate vicino ad Avdiivka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *